Coronavirus, a Milano mezzi pubblici affollati soprattutto nell’ora di punta. Decine di persone sugli autobus e in metropolitana, senza mascherina e senza distanza di sicurezza.

Milano, i mezzi pubblici sono un problema. In questa emergenza coronavirus a Milano (ma non solo) c’è qualcosa che non va come dovrebbe andare. La città è deserta, passano pochi mezzi pubblici… ma sono tutti strpieni, gremiti, alla faccia delle norme di sicurezza, del metro di distanza da rispettare e dei moniti delle autorità.

Duomo Milano
Fonte foto: https://www.facebook.com/l

Milano, mezzi pubblici affollati nonostante il decreto contro il coronavirus

I mezzi pubblici rappresentano un problema, e non solo a Milano. Sui social network sono state postate delle foto scattate dai pendolari che hanno voluto denunciare la situazione paradossale. Nonostante si muovano di casa decisamente molte meno persone, i mezzi pubblici sono stracolmi. Anche perché ne passano meno. Anzi, ne passano pochissimi. E soprattutto nell’ora di punta, nonostante passino più mezzi, spesso si assistono a scene che stridono con le indicazioni del governo. Mezzi affollati, niente distanza di sicurezza tra le persone, poche mascherine e poche norme per evitare il contagio.

Metropolitana Milano Atm
Fonte foto: https://www.facebook.com/angela.delfaveromosito?

Il nuovo orario dei mezzi non aiuta. Poche corse e troppe persone a bordo

Dal 13 marzo la Atm ha ridotto le corse di metro, bus e tram a Milano. Nelle ore di punta, però, si registrano affollamenti sui mezzi e sulle banchine, dove non vengono osservate le norme per la tutela della persona. La sensazione è che in molte occasioni le norme varate dal governo cadano rovinosamente di fronte alla vita reale delle grandi città, dove bastano pochi lavoratori ad affollare i mezzi pubblici.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Coronavirus, primo migrante positivo a Milano. E in Africa i casi aumentano…

Dai fumatori di spinelli in piazza a una passeggiata con il cane a 30 km da casa, ecco chi sono i trasgressori della quarantena