Coronavirus, a Milano i morti sono aumentati del 76 per cento

Coronavirus, a Milano i morti sono aumentati del 76 per cento

A Milano i morti sono aumentati del 76% rispetto al 2019. Una crescita dovuta all’emergenza coronavirus anche se i numeri non sono stati resi noti.

MILANO – Una crescita del 76% dei morti a Milano nel mese di marzo rispetto ad un anno fa. Le cifre sono state rese note dal Comune con 2.155 persone decedute nelle ultime settimane. Numeri in aumento per il coronavirus anche se non sono stati comunicati dalla Regione i dati dei cittadini scomparsi divisi per ogni centro cittadino.

Questo molto probabilmente sarà fatto al termine di questa emergenza coronavirus. Al momento, si preferisce mantenere la massima cautela anche perché non è chiaro se le morti sono dovute al Covid-19 o se il virus è stata solo una concausa.

Chiuso il crematoio di Lambrate

Il numero dei decessi in Lombardia continua a crescere in modo esponenziale tanto che il crematoio di Lambrate è stato costretto a chiudere. Le attese sono molto lunghe ed esiste un rischio dal punto di vista igienico-sanitario.

Il Comune, quindi, è stato costretto ad emanare un’ordinanza di chiusura in linea con le indicazioni del Ministero della Salute. La struttura dovrebbe riaprire i primi giorni di maggio.

Ospedale San Raffaele
Ospedale San Raffaele

Cocco: “Siamo in fase di aumento dei decessi”

I dati sono stati commentati dall’assessore ai Servizi civili del Comune, Roberta Cocco, citata dal Corriere della Sera: “I dati dimostrano che anche a Milano siamo in fase di aumento dei decessi. I mesi di gennaio e febbraio sono in linea con gli anni precedente, mentre sono più che raddoppiati dalla seconda metà di marzo […]“.

I nostri dipendenti del settore funebri e cimiteriali – ha concluso l’esponente della giunta Sala – stanno lavorando senza sosta e con un altissimo senso di responsabilità per garantire lo svolgimento di tutte le attività necessarie […]“.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 03-04-2020

X