Coronavirus, obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto nel Lazio: la nuova ordinanza del Presidente Nicola Zingaretti.

La notizia, nell’aria da giorni, diventa ufficiale: alla luce dei dati relativi alla diffusione del coronavirus, anche nel Lazio scatta l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Coronavirus, nel Lazio obbligo di mascherine all’aperto

L’ordinanza, presentata dall’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato entra in vigore dalla giornata di sabato 3 ottobre. Scatta così l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, misura adottata per contenere i contagi in netta e rapida ascesa sul territorio nazionale.

Sono esentati dall’obbligo i bambini di età inferiore ai sei anni e i soggetti che presentano condizioni di incompatibilità con l’uso della mascherina. Esonerato anche chi svolge attività motoria.

Coronavirus
Coronavirus

Zingaretti: “Per ora non prevediamo alcuna forma di contenimento degli orari dei negozi”

“L’obbligo di usarle è un potente strumento di prevenzione per fermare la curva dei contagi e per lanciare un messaggio che dobbiamo seguire tutti delle regole per poter tornare a vivere in piena sicurezza. È un decisione assunta per evitare di dover prendere in futuro nuovi provvedimenti addirittura più invasivi. Per ora non prevediamo alcuna forma di contenimento degli orari dei negozi, dei bar o dei pub”, ha dichiarato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

“Dobbiamo difendere tutti i comuni del Lazio e la Capitale che è il centro politico e di funzionamento dello Stato. Chi violerà queste regole sarà sottoposto alle multe previste”, ha aggiunto il Presidente della Regione Lazio.

La misura si è resa necessaria per provare a contenere i contagi dilaganti nella Regione. Non si esclude che presto altri Presidenti di Regione possano seguire l’esempio dei colleghi che hanno già disposto l’obbligo.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 02-10-2020


Salone del Libro di Torino, Piero Fassino a giudizio

Mascherine, smart working e Natale, cosa ci aspetta nei prossimi mesi