La nuova ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza: confermate misure restrittive in 3 Regioni e nella Provincia autonoma di Bolzano.

Con una nuova ordinanza firmata il 24 novembre, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato le restrizioni in vigore nella Provincia autonoma di Bolzano, in Basilicata, Liguria e in Umbria.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Emergenza coronavirus, nuova ordinanza di Speranza: rinnovate le misure per PA di Bolzano, Basilicata, Liguria e Umbria

Di fatto dal punto di vista pratico non cambia nulla nello scenario italiano. La Provincia autonoma di Bolzano resta in Zona Rossa, mentre Basilicata, Liguria e Umbria restano in zona Arancione.

Come per la precedente ordinanza relativa alle prime Regioni entrate in Zona Rossa, anche questo provvedimento di Speranza scade il prossimo 3 dicembre 2020 ma con la possibilità di una nuova classificazione della zona alla luce dell’andamento epidemiologico e dei risultati del monitoraggio.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Dpcm Natale, riflessioni in corso sulle riaperture

Intanto al Governo si ragiona sul dpcm del 3 dicembre. Secondo le ultime indiscrezioni emerse a mezzo stampa, dovrebbe essere confermata la chiusura alle 18 di bar e ristoranti. Niente deroga quindi, come ipotizzato in un primo momento. Sul tema sono ancora in corso le discussioni e le riflessioni del caso, e una decisione definitiva sarà presa solo alla luce dell’ultimo monitoraggio utile sulla situazione epidemiologica in Italia.

Dovrebbe essere confermato il no del governo alla riapertura degli impianti sciistici in Italia in occasione delle vacanze di Natale. Nonostante la pressione dei Presidenti delle Regioni e delle associazioni di categoria, l’esecutivo dovrebbe confermare il suo parere contrario. Questo almeno fino a quando la situazione epidemiologica non permetterà una revisione delle norme in vigore.

ultimo aggiornamento: 24-11-2020


Chiusura delle piste da sci a Natale, Conte lavora ad un’intesa europea

Chi è Narciso Mostarda, possibile commissario alla Sanità in Calabria