Emergenza coronavirus, la nuova ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza: la Lombardia passa in zona Arancione.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato la nuova ordinanza con la quale certifica il passaggio della Lombardia in zona Arancione. Cambia colore anche la Sardegna, che passa nella fascia intermedia di rischio. L’ordinanza entra in vigore nella giornata del 24 gennaio.

Coronavirus, la nuova ordinanza del ministro Speranza

“Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato tre nuove Ordinanze, il 22 gennaio una per la Regione Sardegna e una per Calabria, Emilia Romagna e Veneto, il 23 gennaio per la Regione Lombardia, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia (DM 30 aprile 2020), che si è riunita il 22 gennaio 2021”, recita la nota pubblicata sul sito del Ministero della Salute.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Le Regioni in zona Gialla, Arancione e Rossa

Andiamo quindi a riassumere lo schema della divisione delle Regioni in aree di rischio a partire dalla giornata di domenica 24 gennaio.

Area gialla: Campania, Basilicata, Molise, Provincia autonoma di Trento, Toscana

Zona Arancione: Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Veneto, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria, Valle d’Aosta;

Area rossa: Provincia Autonoma di Bolzano, Sicilia.

Alla luce della nuova ordinanza quindi quasi tutte le regioni italiane restano in zona Arancione. In zona Gialla resistono Campania, Basilicata, Molise, PA di Trento e la Toscana. In zona rossa troviamo la Provincia autonoma di Bolzano e la Sicilia.

Ancora nessuna Regione passa invece nella nuova zona Bianca istituita con l’ultimo decreto entrato in vigore a Gennaio. Si tratta della zona a minor rischio epidemiologico e sostanzialmente con pochissime misure restrittive. A tutti gli effetti il primo passo verso il ritorno alla normalità.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 23-01-2021


Morto Larry King, star del giornalismo

46enne ucciso a Rotondella (Matera). Ferita una seconda persona