Coronavirus, le regioni in ‘zona rossa’: l’unica a ‘salire di rischio’ è l’Abruzzo.

ROMA – Quali sono le regioni in zona rossa dopo il quarto monitoraggio dell’Iss? L’indice Rt in discesa in tutto il Paese non dovrebbe portare a particolari cambiamenti. L’unica a cambiare colore è l’Abruzzo, con il ministro Speranza che di fatto si limita a ratificare quanto deciso dal presidente Marsilio nei giorni scorsi con un’ordinanza regionale. Resta arancione la Puglia nonostante il pressing di Emiliano.

La mappa dell’Italia, tre Regioni a rischio

Nel monitoraggio dell’ISS sulla situazione tra il 9 e il 15 novembre si registra un rallentamento della corsa del virus anche se tre Regioni risultano a rischio e sono invitate ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus.

Sotto osservazione Friuli Venezia-Giulia (arancione), Molise e Veneto (in Zona Gialla) che potrebbero nei prossimi giorni cambiare zona, anche se si potrebbe decidere di aspettare il 27 novembre. Data decisiva anche per la retrocessione di regioni come Lombardia e Piemonte.

Zona rossa

Sono sette le regioni in zona rossa. A Lombardia, Calabria, Valle d’Aosta, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Campania e Toscana si dovrebbe aggiungere l’Abruzzo.

Zona rossa: Campania, Toscana, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Calabria, provincia autonoma dell’Alto Adige, Abruzzo.

Regione Abruzzo
fonte foto https://www.facebook.com/RegAbruzzo

Zona arancione

Non cambiano le regioni in zona arancione. Nella seconda fascia si trovano Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia e Umbria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia e Marche.

Zona arancione: Emilia-Romagna, Marche, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Basilicata, Puglia, Umbria, Liguria.

Zona gialla

Solo cinque regioni restano (per questa settimana) in zona gialla. Veneto e Lazio in giallo, così come Molise, Sardegna e Provincia Autonoma di Trento.

Zona gialla: Veneto, Lazio, Sardegna, Molise, provincia autonoma di Trento.

Coronavirus, indice Rt regione per regione

Le fasce vengono stabilite da 21 parametri. Il principale resta l’indice Rt. Andiamo a vedere i dati pubblicati nella giornata del 20 novembre.

Abruzzo: Rt 1.29
Basilicata: Rt 1.54
Calabria: Rt 1.09
Campania: Rt 1.3
Emilia Romagna: Rt 1.2

Friuli Venezia Giulia: Rt 1.29
Lazio: Rt 0.9
Liguria: Rt 0.92
Lombardia: Rt 1.25
Marche: Rt 1.27
Molise: Rt 1.05
PA Bolzano: Rt 1.22
PA Trento: Rt 1.07

Piemonte: Rt 1.1
Puglia: Rt 1.24
Sardegna: Rt 0.84
Sicilia: Rt 1.13
Toscana: Rt 1.44
Umbria: Rt 1.09

Valle d’Aosta: 1.23
Veneto: 1.23

fonte foto copertina https://www.facebook.com/RegAbruzzo

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
abruzzo coronavirus cronaca News primo piano zona rossa

ultimo aggiornamento: 21-11-2020


Coronavirus, Pfizer chiede l’autorizzazione per commercializzare il vaccino

Iss, ‘Numero dei casi inizia ad appiattirsi. Si allontana il rischio saturazione dei reparti di terapia intensiva’