Coronavirus, la riapertura della scuola dovrebbe portare a un aumento dell’Rt. Le stime degli esperti in attesa della ‘prova più dura’ del mese di settembre.

La riapertura della scuola dovrebbe portare a un aumento dello 0,4 dell’indice Rt. La stima è quella fatta dal Comitato Tecnico Scientifico, che già alla fine del mese di aprile aveva iniziato ad analizzare gli scenari legati alla ripresa dell’attività scolastica in presenza.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus, la riapertura della scuola potrebbe portare a un aumento dell’Rt

Come riferito dall’Ansa, nelle ipotesi fatte tra la fine del mese di aprile e l’inizio del mese di maggio si parla di un aumento dello 0,4 (circa) dell’indice Rt. È bene ricordare come la riapertura della scuola non comporta solo la presenza in classe degli alunni, ma anche un considerevole flusso di spostamenti anche sui mezzi pubblici.

Si moltiplicano quindi le occasioni di contatto e di contagio, ed è prudente, realistico e verosimile ipotizzare un aumento dell’indice Rt legato direttamente o indirettamente alla ripresa della scuola.

In fondo un aumento dell’indice Rt è stato ipotizzato e preventivato in occasione di ogni riapertura dalla fine del lockdown generale.

Scuola
Scuola

La riapertura della scuola e i dubbi delle Regioni, dei Presidi e dei sindacati

Proprio la riapertura della scuola resta al centro di un dibattito. Il 14 settembre è la data X fissata dal governo. La ministra Azzolina continua a difendere il lavoro fatto e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ci mette la faccia con un messaggio indirizzato a docenti e studenti.

Restano scettici diversi Presidenti di Regione, parte dei sindacati e i presidi, consapevoli che molti istituti non potranno riaprire i cancelli in sicurezza il 14 settembre.

E il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha fatto sapere di avere dubbi anche sulla data del 24 settembre.

Oggi no. Il 24 settembre non so: non sappiamo quanti banchi siano arrivati ad oggi, né quanti siano i docenti […]. Abbiamo contestato due orientamenti del governo nazionale, a nostro parere sbagliati. Rendere facoltativi i test sierologici per il personale scolastico e, qui, in Campania sono obbligatori, e la misurazione della temperatura corporea. Abbiamo deciso, pur non essendo di competenza della Regione, di dare 3.000 euro ai presidi per l’acquisto di termo scanner per la misurazione della temperatura dentro gli istituti scolastici. Quindi ci stiamo facendo carico di ritardi del ministero della Pubblica istruzione“, ha dichiarato De Luca.

“Non sappiano quanti banchi sono arrivati ad oggi, non sappiamo quanti sono i docenti. Combatteremo per impedire che i docenti che sono già in organico siano mandati a 500 chilometri di distanza. E intendiamo attivare contratti integrativi di servizi con società private, di cui già ci si avvaleva per le gite scolastiche, per aumentare i mezzi e garantire il trasporto e la sicurezza degli studenti nell’avvio del nuovo anno scolastico”, ha concluso il Presidente della Campania.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
coronavirus cronaca primo piano scuola

ultimo aggiornamento: 13-09-2020


Vaccino antinfluenzale, dove farlo e quanto costa

Secondo lockdown in Israele. Netanyahu: “Durerà almeno tre settimane”