La fine della pandemia sembra essere più vicina in Italia. La situazione negli ospedali migliora in modo costante.

ROMA – L’Italia vede la luce in fondo al tunnel dopo due anni di pandemia. Dopo una accelerata dei casi avuta sul finire dello scorso anno, la situazione sembra essere tornata a stabilizzarsi per quanto riguarda i contagi giornalieri mentre continua a diminuire in modo importante la pressione sui servizi sanitari.

Questo consentirà sicuramente in futuro a cambiare completamente il modo di affrontare questo periodo e ci sarà una gestione diversa delle restrizioni. Capiremo meglio dopo il 1° aprile cosa succederà nel nostro Paese, ma davanti abbiamo sicuramente mesi molto diversi da quelli delle scorse settimane.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Addio allo stato di emergenza

Il cambio di passo come detto potrebbe esserci definitivamente con la fine dello stato di emergenza. Da aprile, infatti, questa misura non sarà prorogata e da quel momento ci aspettiamo la possibilità di avere meno restrizioni nel nostro Paese e un ritorno alla normalità.

Vedremo se il premier Draghi nei prossimi giorni riuscirà a pubblicare il tanto atteso calendario delle riaperture oppure si dovrà aspettare la fine di marzo visto anche la guerra che ormai da diversi giorni sc’è in Ucraina.

Terapia intensiva coronavirus
Terapia intensiva coronavirus

La pandemia in Italia

Come detto in precedenza, la pandemia in Italia è destinata ad essere affrontata in modo diverso. Lo scoppio della guerra in Ucraina ha portato le notizie sul Covid in secondo piano e nelle prossime settimane anche lo stesso Governo potrebbe trattare la questione in modo completamente differente rispetto a quanto fatto in questi ultimi mesi.

Un cambio di passo sicuramente fondamentale anche per consentire agli italiani di ritrovare una maggiore normalità dopo due anni molto complicati viste le diverse misure messe in campo per contrastare la risalita dei casi in Italia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-03-2022


Cancellato il corso su Dostoevskij, Nori: “E’ censura”. Poi il passo indietro dell’università ‘Bicocca’

In Italia proclamato lo stato di emergenza per la crisi in Ucraina: a cosa serve