Sospesi i mutui a Comuni e Province per l’emergenza coronavirus. Accordo tra Abi, Anci e Upi.

ROMA – Sospesi i mutui a Comuni e Province per l’emergenza coronavirus. E’ stato ufficializzato l’accordo tra Abi, Anci e Upi per lo stop di questa tassa per un anno.

Gli enti potranno chiedere, quindi, a tutti gli Istituti che hanno aderito a questa intesa una sospensione delle rate dei finanziamenti che scadono nel corso del 2020. Un accordo che dovrebbe consentire ai sindaci e ai presidenti di provincia di avere maggiore liquidità e aiutare le persone in difficoltà in questo momento.

Mutui sospesi per 12 mesi

Secondo quanto riportato dall’Ansa, l’accordo trovato consente ai Comuni e alle Province di ottenere uno stop di tutte le rate dei mutui con scadenza nel 2020. Lo stop può durare 12 mesi ma allo stesso tempo non devono essere modificate le condizioni economiche previsto per contratto.

Inoltre, gli interessi maturati nel periodo di sospensione dovranno essere corrisposti alle Banche in base alle scadenze contrattualmente previsto. L’intesa non si applica solo ai Comuni e alle Province ma a tutti gli enti locali che hanno deciso di aderire. Gli Istituti possono anche applicare di maggior favore rispetto a quelle inserite nell’accordo stesso.

euro
euro

Maggiore liquidità per Comuni e Province

Con questo nuovo accordo Comuni e Province avranno maggiore liquidità per aiutare le famiglie più bisognose. Nelle prossime settimane, infatti, i sindaci potrebbero decidere di instaurare fondi per tutte le persone che in questo periodo di difficoltà hanno perso il posto di lavoro e non riescono ad arrivare al fine mese.

L’emergenza coronavirus ha messo in ginocchio il nostro Paese anche se gli ultimi dati fanno vedere la luce in fondo al tunnel. Si spera di ripartire il prima possibile per cercare di limitare al massimo i danni economici.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.


Coronavirus, l’Istat: shock generalizzato, senza precedenti storici

Le Borse chiudono in positivo, spread stabile