Coronavirus, in Lombardia tamponi anche ai mono-sintomatici

Tamponi anche ai mono-sintomatici: la nuova strategia della Lombardia. Fontana: “Andiamo verso il calo”

Emergenza coronavirus, la Lombardia cambia rotta: tamponi anche sui soggetti mono-sintomatici. L’annuncio del governatore Attilio Fontana.

In Lombardia tamponi anche agli asintomatici. Lo ha annunciato il governatore Attilio Fontana ai microfoni di Mattino Cinque.

Coronavirus

Coronavirus, Fontana: tamponi anche ai mono-sintomatici

Parlando dei tamponi, il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana ha annunciato un cambio di rotta. Saranno infatti sottoposti al test anche i soggetti mono-sintomatici.

“Rispettiamo le regole che ci sono state dettate dall’Istituto superiore della sanità che con una delibera del proprio comitato tecnico-scientifico del 27 febbraio ci ha detto che noi dovevamo fare i tamponi solamente ai sintomatici. In un primo momento dovevano essere plurisintomatici, avere due su tre dei classici sintomi, adesso basta anche essere monosintomatico: negli ultimi giorni anche chi ha un solo sintomo, febbre o raffreddore o tosse, può essere sottoposto a tamponatura”.

Nel corso della sua intervista Fontana ha parlato anche dell’aumento dei casi registrati nelle ultime ore e dell’andamento dell’analisi di test, con i laboratori che sono in difficoltà e faticano a tenere il ritmo.

“Vedendo i dati e tenuto conto che la nostra capacità media giornaliera massima è di 5.000, visto che ieri eravamo a 6 mila evidentemente qualche laboratorio era in arretrato con l’elaborazione dei test”.

Fontana ha poi mandato un messaggio di speranza facendo sapere che con ogni probabilità la Lombardia si sta avvicinando al tanto atteso calo della curva.

Attilio Fontana
Fonte foto: https://www.facebook.com/fontanaufficiale/

Il contenimento del coronavirus in Lombardia

Nel corso della sua intervista a Mattino Cinque Fontana è tornato a criticare la gestione dell’emergenza nelle battute iniziali del contagio sul territorio. Le comunità scientifica si è divisa senza comunicare che il COVID-19 stesse diventando un problema anche per l’Italia. Questo, insieme con l’iniziale tentennamento del governo, avrebbe creato le condizioni ideali per un contagio di massa.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 27-03-2020

X