Dal superbonus per gli ospedali alla soglia dei subappalti al 50%, ecco cosa prevede il dl Semplificazioni.

ROMA – Il dl Semplificazioni è stato approvato in Consiglio dei ministri. Dopo un lungo confronto all’interno della maggioranza, il premier Draghi è riuscito a chiudere la partita e ottenere il via libera al provvedimento. Come successo giù in passato, la misura potrebbe essere modificata in Parlamento. E l’unico passaggio destinato ad essere al centro del confronto tra i partiti sembra essere quello del superbonus agli alberghi non inserito in questo decreto.

Cosa prevede il dl Semplificazioni

Si tratta di un decreto composto da 68 articoli che presto potrebbe finire in Parlamento per l’approvazione definitiva. Andiamo a vedere cosa prevede il provvedimento riportato dall’Adnkronos.

Subappalti

Una delle misure più contestate anche dai sindacati è stata quella dei subappalti. Il Governo è deciso di non prorogare la norma ma di portarla dal 40% al 50% fino al 31 ottobre.

Lavoro

Nel dl Semplificazioni è stato affrontato anche il Pnrr. “Nei bandi di gara – si legge nel provvedimento – è requisito necessario dell’offerta dell’assunzione dell’obbligo ad assicurare una quota pari almeno al 30% delle assunzioni necessarie per l’esecuzione o per la realizzazione di attività ad esso connesse o strumentali all’occupazione giovanile e femminile“.

Superbonus ospedali

Si è deciso di confermare il superbonus al 110% per gli ospedali. Restano esclusi gli alberghi e questa misura potrebbe essere rivista in Parlamento.

Green pass

Con il dl Semplificazioni si dà il via libera alla piattaforma nazionale-Dgc per l’emissione del green pass. Maggiori informazioni saranno date nelle prossime settimane.

Aereo
Aereo

Dl Semplificazioni in Parlamento

Nei prossimi giorni il decreto arriverà in Parlamento. Come detto in precedenza, l’unica norma destinata ad essere modificata potrebbe essere quella del superbonus destinato agli alberghi. Il M5s da tempo chiede di inserire il provvedimento e la discussione è ancora in corso per trovare un compromesso.

TAG:
governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 28-05-2021


Draghi, “Garantire che i paesi più poveri abbiano accesso a vaccini efficaci è un imperativo morale”

Corte dei Conti: “Pensare ad un parziale spostamento del prelievo dall’Irpef all’Iva”