Emergenza Covid in Italia, cosa si può fare a Natale e a Capodanno: regole e deroghe per vivere le feste in sicurezza.

Il dpcm del 3 dicembre e le indicazioni del governo forniscono il contesto normativo che farà da cornice a questo mese di dicembre, e mettendo insieme tutti i tasselli del mosaico possiamo ricavare una pratica guida che ci dice cosa si può fare a Natale e a Capodanno nonostante l’emergenza Covid.

Di seguito il video della conferenza stampa del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Divieto di spostamenti tra Regioni e Comuni a Natale (e a Capodanno)

Iniziamo dalle basi per capire innanzitutto dove possiamo trascorrere le feste.

Per quanto riguarda gli spostamenti tra le Regioni, lo stop scatta dal 21 dicembre al 6 gennaio, quando scatta il divieto di spostarsi da una Regione all’altra anche se lo spostamento è tra due territori in zona gialla. Spostamento consentito invece fino al 20 dicembre e dopo il 6 gennaio.

È possibile spostarsi da una Regione all’altra per motivi di necessità e per fare ritorno alla propria abitazione o al proprio domicilio. Tra i motivi di necessità, come ricordato anche dal premier Conte durante la conferenza stampa di presentazione del dpcm, rientra l’assistenza a persone anziane.

La stretta interessa anche gli spostamenti tra Comuni, che sono vietati nelle giornata del 25 e del 26 dicembre e del 1 gennaio. La misura adottata dal governo ha scatenato la protesta dei Presidenti delle Regioni e di parte della maggioranza. Non sono esclusi passi indietro da parte dell’esecutivo, che potrebbe inserire nuove deroghe, ma al momento fanno fede i decreti e i dpcm approvati. Anche in questo caso sono sempre consentiti gli spostamenti per necessità e lo spostamento per far rientro alla propria abitazione di residenza o domicilio.

Per chiudere la panoramica sugli spostamenti affrontiamo il tema dei viaggi all’estero. Sarà possibile partire ma chi uscirà dai confini nazionali tra il 21 dicembre e il 6 gennaio al ritorno sarà sottoposto alla quarantena. Si tratta evidentemente di un tentativo di scoraggiare i viaggi internazionali.

Treno Milano
Treno

Il coprifuoco dalle 22:00

Il governo conferma il coprifuoco su tutto il territorio nazionale dalle ore 22:00 fino alle 5:00 del mattino seguente. A Capodanno scatta il coprifuoco rafforzato, che inizia alle 22:00 del 31 dicembre e termina alle 7:00 del 1 gennaio.

La messa di Natale

Incassata la fiducia della CEI, il governo ha voluto evitare scomode invasioni di campo, quindi non ha dato indicazioni sull’orario delle messe di Natale. Le celebrazioni avverranno in un orario che renda possibile il ritorno a casa dei fedeli entro le ore 22:00, orario di inizio del coprifuoco.

Chiesa
Chiesa

Cosa si può fare a Natale e a Capodanno? Posso organizzare una festa?

Veniamo ora ai giorni di festa, quindi al 24, al 25 al 26 dicembre ma anche al 31 dicembre, al 1 gennaio e al 6 gennaio.

Le feste nei luoghi pubblici e privati sono vietate. Anche le feste nelle abitazioni sono interdette.

Per quanto riguarda le feste a casa e i cenoni il governo invita a non invitare persone non conviventi. Una restrizione anche drastica ma più morale che pratica visto che nessuno verrà mai a controllare la situazione nelle nostre abitazioni. Anche perché la privacy domiciliare è un diritto tutelato dalla Costituzione. Tradotto, il governo si affida al buon senso dei cittadini.

Natale Capodanno
Natale Capodanno

Sarà possibile andare a pranzo fuori?

Sarà sempre possibile andare a pranzo nei ristoranti, anche a Natale e a Santo Stefano. Per bar e ristoranti la chiusura scatta alle ore 18.00. Un caso particolare è quello dei ristoranti degli alberghi, che saranno costretti a chiudere la sera di Capodanno, quando gli ospiti dell’hotel potranno usufruire solo del servizio in camera.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
coronavirus cronaca dpcm natale Giuseppe Conte primo piano

ultimo aggiornamento: 06-12-2020


Vaccino, l’hub sarà a Pratica di Mare. Speranza: “Partiremo da impostazione volontaria”

Incidente sulla tangenziale Ovest di Milano: tre morti della stessa famiglia, altri feriti