L’allarme sulla detenzione e l’uso delle armi negli Stati Uniti è sempre più preoccupante: a peggiorare la situazione spuntano le ghost gun.

I terribili fatti avvenuti ieri a New York, dove si è verificata una tragica sparatoria nella metropolitana, ha riacceso l’attenzione sul tema delle armi negli Stati Uniti. Il problema non riguarda sono quelle regolarmente registrate ma anche le cosiddette ghost gun, ovvero le armi fantasma.

Vengono chiamate così perché sono armi senza numero di serie e spesso vengono usate proprio per questo per compiere diversi crimini. Il presidente Joe Biden ha detto che ci saranno delle restrizioni per acquistarle ma il passo non sarà così facile.

Chi gestisce il mercato delle armi, infatti, ha già detto che non intende stare fermo mentre si compie la manovra. Negli Stati Uniti la lobby delle armi ha grande potere e lo dimostra il fatto che fino ad oggi tutti i cambiamenti annunciati non hanno portato a molto.

Joe Biden
Joe Biden

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le armi fantasma

Le ghost gun sono chiamate anche “privately made firearms”, ovvero armi costruite privatamente, o PMFs. Si tratta di armi da fuoco, pistole e fucili, prodotte senza numero di serie e vengono vendute divise in più parti. Poi chi le acquista le assemblea in maniera autonoma. Da montare sono facilissime e alcuni modelli richiedono anche meno di 30 minuti.

Il problema principale è che senza numero identificato diventa impossibile tracciarle, ecco perchè vengono scelte perlopiù per atti criminali. A questo si aggiunge il fatto che la legge americana permette la vendita di tali armi non soltanto nei negozi fisici, più facilmente controllabili, ma anche online senza alcun controllo.

“Faremo qualsiasi cosa per impedire ai criminali di usarle” ha detto Joe Biden ma la battaglia, qualora venisse iniziata, sarà lunga e tortuosa. Negli ultimi anni, intanto, l’uso delle armi fantasma è cresciuto in maniera incontrollabile. Dall’inizio del 2022 la Polizia di New York ne ha già trovate 163.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-04-2022


Scontro tra Lilli Gruber e giornalista russa: “Non è una guerra”

La Finlandia vuole entrare nella Nato, Mosca rafforza i suoi confini