Crisi interna per il partito di Elly Schlein: scoppia il caso Tarquinio
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Crisi interna per il partito di Elly Schlein: scoppia il caso Tarquinio

Elly Schlein

Elly Schlein e il PD affrontano le sfide delle elezioni europee: tra rappresentanza e le polemiche interne sulla candidatura di Tarquinio.

Il Partito Democratico si trova ad affrontare turbolenze interne mentre si prepara per le imminenti elezioni europee. La segretaria Elly Schlein e il suo entourage sono al centro di un vortice di critiche che riguardano la composizione delle liste elettorali per le cinque circoscrizioni. In particolare, emergono diversi “malumori” rispetto al caso Tarquinio.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Elly Schlein
Elly Schlein

Schlein e la strategia elettorale del PD: una svolta controversa

Le tensioni sono su più fronti, con una divisione marcata tra la corrente riformista, ormai ridotta ai minimi termini, e l’ala più radicale del partito.

Come riportato da IlGiornale.it, la cosiddetta questione Tarquinio aggiunge ulteriore complessità al panorama. La candidatura di Marco Tarquinio, ex direttore di Avvenire e critico verso posizioni progressiste su temi come gli aiuti militari all’Ucraina e l’aborto, si configura come un vero e proprio paradosso per un partito che ha storicamente sostenuto i diritti civili.

Questa scelta ha innescato un dibattito acceso, con voci critiche che richiamano il partito a una maggiore trasparenza e discussione nelle sue decisioni politiche.

PD: la ricerca di una rappresentanza autentica

Una delle maggiori fonti di attrito è anche la questione legata alla riconferma delle eurodeputate del PD. Le quali aspirano a posizioni di rilievo nelle liste e a un seggio sicuro a Bruxelles.

La scelta della segretaria del PD di favorire candidature esterne al partito solleva preoccupazioni di un possibile svantaggio per il reparto femminile del partito. Ciò è stato percepito come un’imposizione dall’alto poco condivisa all’interno del partito.

Altro nodo critico si palesa, oltre le dispute sui candidati, anche sulle strategie di inclusione. Queste vengono viste come la causa di allontanamento del PD dalle sue radici lavoristiche e dalla rappresentanza dei ceti meno abbienti.

Il focus su personalità esterne e su dibattiti interni ha oscurato la necessità di una solida rappresentanza del mondo del lavoro, evidenziando una crisi di identità all’interno del partito. Di fronte a queste dinamiche, figure come Andrea Orlando sollevano questioni fondamentali, auspicando che “nelle liste ci sia anche qualche rappresentante dei ceti meno abbienti, dei precari, del mondo del lavoro“.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2024 12:31

Viaggiare in aereo con il proprio cane: la rivoluzione annunciata da Matteo Salvini

nl pixel