Cristina Parodi: “L’ascesa di Salvini è dovuta alla paura e all’ignoranza”. Dalla Lega: “Se è tanto delusa scenda in campo e lasci la Rai”.

Ha fatto discutere l’intervista rilasciata da Cristina Parodi ai microfoni di Rai Radio 2. Ospite della trasmissione I lunaticiil volto noto della televisione italiana ha parlato anche di politica rispondendo a una domanda sulla rapida ascesa di Matteo Salvini.

Cristina Parodi: “L’ascesa di Salvini è dovuta alla paura e all’ignoranza”

L’ascesa di Matteo Salvini è dovuta all’arrabbiatura della gente, al fatto che probabilmente non è stato fatto molto di quello che era stato promesso che sarebbe stato fatto. È dovuta alla paura e anche all’ignoranza“, ha dichiarato Cristina Parodi nel suo intervento che non è stato apprezzato dalla Lega.

Dalla Lega: “Se Cristina Parodi è tanto delusa dalla politica italiana scenda in campo. E soprattutto lasci la Rai”

La risposta dagli ambienti del Carroccio è arrivata dal capogruppo della Commissione in Vigilanza Paolo Tiramani e da altri parlamentari leghisti che hanno fatto sapere di essere intenzionati a procedere con un’interrogazione in Commissione di Vigilanza.

Se Cristina Parodi è tanto delusa dalla politica italiana scenda in campo. E, soprattutto, lasci la Rai. Con le sue offese a Matteo Salvini, la giornalista e moglie del sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha utilizzato il servizio pubblico radio-televisivo a proprio uso e consumo, facendo propaganda politica alla faccia del pluralismo informativo e ciò non è giustificabile. Ne chiederemo conto in Commissione di Vigilanza Rai con un’interrogazione”.

Dalle opposizioni: no alla censura

La netta presa di posizione della Lega ha aperto un dibattito politico con le opposizioni che si sono schierate al fianco della giornalista difendendo la libertà di espressione e condannando ogni tipo di censura e bavaglio mediatico.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Cristina Parodi evidenza Matteo Salvini News politica

ultimo aggiornamento: 11-10-2018


Manovra, il premier Conte: “Avanti per la nostra strada”

Matteo Salvini: “No a prelievi dai conti degli italiani”