Il rapper toscano Cry Lipso è morto a Pistoia. La Procura ha autorizzato l’autopsia sul corpo del giovane per accertare le cause del decesso.

PISTOIA – Lutto nel mondo della musica toscana e italiana. E’ morto all’età di 21 anni il rapper Cry Lipso, molto conosciuto nella sua zona ma con il sogno di diventare uno degli idoli delle future generazioni. Una scomparsa avvolta nel mistero visto che il decesso è avvenuto in un’abitazione. La Procura ha ordinato l’autopsia sul corpo dell’artista per accertare meglio le cause che hanno portato alla morte.

Morto il rapper toscano Cry Lipso

Era la sera di venerdì 15 novembre quando il rapper Cry Lipso si è sentito male mentre era in un appartamento a Pistoia di proprietà di alcuni conoscenti. L’allarme è stato dato dagli amici ma il personale del 118 non ha potuto fare altro che constatare la morte del 21enne.

Non chiare le cause del decesso con il magistrato che ha autorizzato l’autopsia sul corpo del giovane. Possibile un decesso per motivi naturali ma non si escludono neanche le altre piste visto che al momento non si hanno delle prove certe. Possibile che nelle prossime ore vengano sentiti gli amici che erano con lui per ricostruire meglio quanto successo quella sera.

Ambulanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/ItalianRedCross

L’ultimo lavoro di Cry Lipso

L’ultimo lavoro di Cry Lipso era uscito proprio lo scorso 4 novembre quando il musicista emo-trap aveva pubblicato il brano, con tanto di video, dal titolo Stasera muoio. Un destino crudele per l’artista che è scomparso a soli 21 anni.

Poco conosciuto a livello nazionale, il rapper era molto noto negli ambienti toscani per i suoi diversi lavori fatti negli ultimi anni. La sua scomparsa lascia sicuramente un vuoto importante in questi ambienti con i brani che lo ricorderanno per i prossimi anni. E la Procura è al lavoro per chiarire le cause della morte.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ItalianRedCross

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca cry lipso emo-trap musica

ultimo aggiornamento: 18-11-2019


Violati gli account del conduttore di Report e dei vertici RAI

Abolizione dell’ora legale, l’Italia dice di no all’Ue