Dacia Logan: scheda tecnica della station wagon rumena

Nata come prima giardinetta europea low cost non derivata da un modello preesistente, la Dacia Logan – ‘sorella’ della Sandero –  ha nella capienza e nei prezzi contenuti i suoi pregi principali.

La Logan è un modello di station wagon prodotto dalla Dacia. La prima serie esordì nel 2004 mentre la produzione della seconda generazione è cominciata nel 2012, dopo la presentazione in anteprima al Salone dell’Auto di Parigi. La Dacia Logan viene assemblata sia in Romania, nello stabilimento di Mioveni, ma anche in altri impianti Renault come ad esempio Somaca (Marocco), Bursa (Turchia) e Togliatti (Russia), oltre che in Sud America.

Scheda tecnica Dacia Logan

Con la messa in produzione della seconda generazione, la Logan è diventata l’unico modello di familiare (MCV) presente all’interno della gamma Dacia. Altre configurazioni (quali pick-up e tre volumi) si sono esaurite con la prima serie – almeno per quanto concerne il mercato italiano – , per essere sostituite da altri modelli.

Il modello è lungo quasi 4 metri e mezzo (4.492 mm), è largo 1730 mm ed è alto 1.519 mm (senza contare le barre portatutto sul tetto) mentre il passo misura 2.634 mm; gli sbalzi misurano, rispettivamente, 813 mm all’anteriore e 1.046 mm al posteriore. Dal punto di vista tecnico, la Dacia Logan viene assemblata utilizzando la piattaforma modulare Dacia B0 (la stessa utilizzata anche la seconda generazione della Sandero e il nuovo SUV di gamma Duster), una variante a passo allungato della piattaforma ‘B’ prodotta dalla Nissan a partire dal 2002 e impiegata anche per alcuni modelli di Renault, Datsun e Lada.

Design e accessori

Dal punto di vista estetico, la Logan presenta un design senza fronzoli e privo di particolari concessioni al lusso. Poche linee, semplici e pulite, definiscono forme e volumi in maniera asciutta, in linea con i moduli stilistici degli altri modelli inclusi nella gamma del marchio. Il frontale richiama molto da vicino quello della Sandero, la ‘sorella’ in versione due volumi della Logan. La calandra e i gruppi ottici sono praticamente identici, mentre la fascia paraurti risulta leggermente meno muscolare. Poche differenze anche per quanto concerne il prospetto posteriore, con la Dacia Logan che presenta una fascia paraurti più stretta e leggermente sporgente rispetto al portellone, così da facilitare le operazioni di carico. Ridisegnati i gruppi ottici, meno squadrati e con uno sviluppo orizzontale rispetto a quelli praticamente quadrangolari della Sandero.

La Dacia offre ai propri clienti la possibilità di scegliere diverse tinte per la carrozzeria della Logan: Blue Navy, Grigio Platino, Bianco Ghiaccio, Nero Nacrè, Rosso Fuoco, Grigio Cometa, Blu Cosmo e Brun Vison. Per gli interni, invece, è possibile segliere due tipi di selleria: quella ‘comfort’ e quella con inserti in pelle, entrambe abbinate alla plancia in armonia carbone scuro. Sulla versione Stepway è disponibile il sistema multimediale Media Nav Evolution con navigatore, telefonia e retrocamera (disponibile come optional) integrati ed assistenza alla partenza in salita. Gli altri elementi che caratterizzano questa variante sono l’assetto rialzato, gli elementi cromati della calandra, i parafanghi e le minigonne di colore nero che vanno ad aggiungersi ai nuovi gruppi ottici con firma luminosa, i proiettori fendinebbia e le barre al tetto, conferendo un aspetto che strizza l’occhio al segmento dei crossover. Inoltre, la Stepway offre una grande abitabilità interna: lo spazio dell’abitacolo presenta una ottima modularità, con i sedili posteriori abbattibili 2/3-1/3 e un vano portabagagli particolarmente capiente, che offre una capacità di carico che va da un minimo di 573 dm cubici ad un massimo di 1518 dm cubici.

La gamma Dacia Logan MCV è composta da tre livelli: Logan, Ambiance e Lauréate. Il secondo di questi prevede una dotazione che include l’assistenza alla frenata di emergenza con l’ABS, i copriruota da 15 pollici ‘Groomy’, il Dacia Plug&Play (radio CD/MP3, prese Aux-In e USB, Bluetooth con comandi al volante), l’ESP, i fari fendinebbia, la funzione Eco Mode (tranne sul motore SCe da 75 CV), Hill start assist e luci diurne a LED. Tra gli optional vi sono il sistema di climatizzazione manuale, il Pack Confort (cintura, volante e sedile conducente regolabile in altezza) e la ruota di scorta (tranne per le motorizzazioni GPL).

Dacia Logan
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/96653555@N06/8877197064

Le motorizzazioni Dacia Logan

La gamma di propulsori della nuova Dacia Logan include due motori a benzina e uno a diesel. Per quanto concerne il primo, si tratta del tre cilindri in linea 0.9 TCe (898 cc di cilindrata) in grado di erogare 90 CV a 5.000 giri. Viene abbinato al cambio meccanico a cinque rapporti ed alla trazione anteriore; può spingere la Logan fino ad una velocità massima di 175 km/h e scattare da 0 a 100 km/h in 11.1 secondi. Questa motorizzazione è offerta anche nella versione a doppia alimentazione benzina/GPL.

L’altro power train a benzina è l’aspirato 1.0 SCe, un quattro cilindri in linea a trazione anteriore capace di sviluppare 73 CV ad un regime di 6.300 giri; associato al cambio meccanico a cinque rapporti, offre prestazioni inferiori rispetto al turbo, con una velocità massima pari a 158 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h in 14.7 secondi.

L’offerta di motorizzazioni a gasolio si limita ad una sola unità. Si tratta del turbo a 4 cilindri in linea 1.5 dCi, declinato in due tagli di potenza. Con la versione da 75 CV (disponibili a 4.000 giri), la Logan si spinge fino a 164 km/h e raggiunge i 100 km/h da fermo in 14.6 secondi mentre con la taratura da 90 CV (erogati a 4.000 giri), la velocità di punta si ferma a 173 km/h e l’accelerazione da 0 a 100 km/h è di 11.8 secondi. Il turbo diesel da 75 CV è abbinato solo agli allestimenti Comfort ed Essential mentre quello da 90 CV – abbinato alla tecnologia Stop&Start – è disponibile anche per il livello Stepway.

Listino prezzi Dacia Logan

La Dacia Logan è una station wagon di fascia medio-bassa. Ciò significa che, anche al nuovo, presenta prezzi di listino alla portata di un’ampia fascia di clientela. Le versioni a benzina, infatti, vanno da un minimo di 8.700 euro (ovvero il prezzo di una versione Access da 75 CV) fino ad un massimo di 13.400 euro necessari per il livello Stepway con propulsore da 90 CV. I due allestimenti con motore a benzina/GPL, ovvero Essential e Comfort, costano, rispettivamente, 11.300 euro e 12.600 euro. Infine, le cinque versioni con propulsore a gasolio coprono un range di prezzo che va dagli 11.300 euro ai 14.400 euro.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/42435071@N02/8530160615

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/96653555@N06/8877197064

ultimo aggiornamento: 19-07-2018

X