Secondo tentativo della Danimarca, il governo revoca le restrizioni contro la diffusione del Covid. Si ritiene che l’80 per cento della popolazione sia protetta contro il virus.

La Danimarca prova ad uscire dal dramma del Covid con la revoca delle restrizioni per il contenimento della diffusione dei contagi. Come riferito dal Guardian, il governo ha deciso di abolire tutte le misure restrittive. Questo nonostante un numero di casi giornalieri ancora elevato.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La Danimarca corre verso la normalità: il governo revoca le misure restrittive contro il Covid

Per la Danimarca si tratta del secondo tentativo in due mesi. Il governo aveva infatti provato ad abolire le misure restrittive alla fine del 2021 salvo poi fare un passo indietro. Ora la nuova fuga in avanti con l’abolizione delle mascherine, l’abolizione del Green Pass la revoca delle limitazioni per bar e ristoranti e l’abolizione dei limiti anti-assembramento dei locali. Le uniche misure che resteranno in vigore sono quelle legate ai viaggi, con limitazioni legate ai soggetti non vaccinati che provengono da Paesi fuori dall’area Schengen.

Danimarca Copenaghen
Danimarca Copenaghen

La situazione epidemiologica nel Paese

La situazione epidemiologica nel Paese non è propriamente facile, almeno stando alla fredda analisi dei numeri. In Danimarca si contano tra i 40 e i 50.000 nuovi casi al giorno. La buona notizia arriva dalla campagna di vaccinazione, che ha spinto il governo a revocare le restrizioni. Più del 60 per cento della popolazione vaccinabile ha ricevuto la dose booster del vaccino, questo mentre la media europea si attesta intorno al 45% circa. Tra vaccinati e guariti, le autorità sanitarie danesi stimano che l’ottanta per cento della popolazione sia immune o almeno protetta contro la malattia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 01-02-2022


Reggio Emilia, ragazza di 15 anni violentata da coetanei. Un arresto

Incidenti sul lavoro, tre morti in poche ore