Il primo decreto Green Pass è stato approvato anche in Senato. Dopo la Camera, Palazzo Madama ha dato il via libera al provvedimento.

ROMA – Il Senato ha dato il via libera al primo decreto Green Pass. Dopo il via libera della Camera, Palazzo Madama ha votato la fiducia al provvedimento con 189 voti favorevoli, 32 contrari e solamente due astensioni. Una misura che diventa definitivamente legge ma destinata ad essere aggiornata già nei prossimi giorni.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

In arrivo il secondo decreto sul Green Pass

E’ in arrivo il secondo decreto sul Green Pass. La cabina di regia è convocata per giovedì 16 settembre e nello stesso giorno dovrebbe avvenire anche il Consiglio dei ministri. L’obiettivo è quello di riuscire ad unire nella misura sia per le aziende pubbliche e quelle private e si sta lavorando per riuscire a trovare un compromesso nella maggioranza.

GREEN PASS
GREEN PASS

Orlando: “Sicuramente ci sarà una estensione del Green Pass”

Il ministro Orlando, riportato dall’Ansa, ha confermato che ci sarà una estensione del Green Pass “ma su tempi e modalità ne discuteremo nelle prossime ore. E’ necessario calmierare i prezzi dei tamponi, ma non è giusto che la fiscalità generale intervenga a cancellare un costo che deriva da una scelta”.

Su questo tema resta da convincere la Lega. “Ho parlato con il ministro Giorgetti – ha ammesso Salvini – al momento non esiste un progetto definito sull’estensione della certificazione. La nostra posizione è chiara: siamo per la difesa della salute degli italiani sui luoghi di lavoro ma non possiamo pensare di estendere l’obbligo a 60 milioni di italiani“. La cabina di regia sarà decisiva per poter arrivare ad un compromesso e cercare di trovare la soluzione. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di includere le aziende pubbliche e private, ma evitare tutte le altre attività almeno fino a questo momento.

governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 15-09-2021


Gruppo Arraiolos, Mattarella: “L’Ue non può restare nelle condizioni attuali”

Mario Draghi inserito tra i 100 di Time