Il Governo dovrebbe mettere la fiducia al decreto sicurezza. I lavori in Senato sono iniziati, con la maggioranza che resta fiduciosa.

ROMA – Il decreto sicurezza continua a tenere in ansia la maggioranza ma secondo alcune fonti riportate dal sito di Repubblica il Governo sembra intenzione a porre la questione di fiducia. Una scelta fatta per mettere alle strette i dissidenti che saranno costretti a votare si o no ma anche astenersi.

Proprio quest’ultima scelta è stata presa dalla senatrice del M5s, Paola Nugnes: “Non permettere un regolare dibattito in Aula, voler mettere insieme su un provvedimento con un giudizio complessivo sul governo e sulle sue funzioni future non è il modo più opportuno per procedere. Senza fiducia avrei votato no, ma in questo modo devo astenermi. Ho molta fiducia in questo esecutivo soprattutto sulla legge di bilancio che si sta facendo“. L’esponente pentastellato è convinta che questa decisione è stata presa “per non fare vedere che sia Forza Italia che Fratelli d’Italia votano a favore”.

Premier Conte al Senato
fonte foto https://twitter.com/SenatoStampa

Decreto Sicurezza, Luigi Di Maio: “La riforma sulla prescrizione resta. La Lega? Troveremo un accordo”

Decreto sicurezza e riforma della prescrizione. Sono questi i due argomenti che stanno tenendo in ansia l’alleanza gialloverde. Il possibile cambiamento nei giudizi dei processi non piace alla Lega ma il M5s non ha nessuna intenzione di fare un passo indietro. Durante una trasmissione radiofonica, il ministro Luigi Di Maio ha confermato che “rappresenta un punto fondamentale del nostro programma e troveremo presto un accordo con la Lega. Deve essere approvata nel ddl anticorruzione e chi parla in queste ore di stralcio non sta dicendo la verità“.

Di seguito il video con la discussione in Aula

https://www.youtube.com/watch?v=n_FoZVLz7rA

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865


Selfie e sorrisi dai luoghi del maltempo, Salvini attaccato sui social

Il premier Conte ad Algeri: “Qui per confermare il rapporto di amicizia tra i Paesi”