Hakan Calhanoglu a Forza Milan: “Dopo la squalifica di quattro mesi avevo bisogno di giocare. Montella? Non parlava inglese ma solo italiano, se non comunichi è difficile…”.

Intervenuto ai microfoni di Forza Milan!, Hakan Calhanoglu ha parlato della sua crescita con la maglia del Milan e dei progressi fatti dopo l’arrivo in panchina di Gennaro Gattuso.

Il primo viaggio per Milano lo feci in aereo. Pensavo a un nuovo calcio, al mio nuovo club, ai nuovi compagni. È un grosso cambiamento approdare in un club con il Milan, una società con grande storia. Andare a Milanello e pensare a quali grandi campioni sono stati lì, come Maldini o Gattuso mi riempiva la testa.

L’impatto non è stato facile perché vivevamo in albergo, ma anche per via della lingua: parlare e comunicare con i compagni di squadra non era facile. Ora sono contento, capisco gli altri e riesco a parlare con loro, mi piace la cultura italiana, le persone sono molto cordiali. Vedo analogie con la Turchia“.

Hakan Calhanoglu
Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Hakan Calhanoglu: “Gattuso comunica molto, mi ha dato molta fiducia”

“La prima cosa che posso dire è che dopo la squalifica di quattro mesi avevo bisogno di giocare un po’ per arrivare ad avere una buona condizione fisica. Però, se non comunichi è difficile e Montella non parlava inglese ma solamente italiano. Certamente conosco il calcio, so che posizione devo tenere in campo e come comportarmi durante gioco, ma ho bisogno di sentire anche l’appoggio di un allenatore che parli con me.

Gattuso mi ha dato molta fiducia perché aiuta e comunica molto: mi ha sempre detto di liberare la mente e di giocare il mio calcio, credendo nelle qualità che ho e che, così facendo, i risultati sarebbero venuti da soli”.

Milan Vincenzo Montella
Vincenzo Montella
TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 25-04-2018


Mercato Milan, il Fondo Elliott avverte: niente spese folli in estate

Milan, Boufal per il centrocampo: piace anche all’Inter