Caso Cucchi, la sorella Ilaria attacca il generale Nistri: “Non ho ricevuto scuse da lui ma solo accuse verso i carabinieri che hanno parlato”.

ROMA – Doveva essere un incontro chiarificatore ma l’Arma dei Carabinieri non si sarebbe scusata con la famiglia Cucchi. A rivelarlo è stata la sorella di Stefano, Ilaria, che in una conferenza stampa ha criticato duramente il comportamento del generale Nistri: “Da lui non dico che mi sarei aspettata le scuse, perché avrebbe potuto essere imbarazzante, ma non certo 45 minuti di sproloquio contro Casamassima, Rosati e Tedesco, gli unici tre pubblici ufficiali che hanno deciso di rompere il muro di omertà nel mio processo“.

Ilaria Cucchi
Ilaria Cucchi (fonte foto https://www.facebook.com/Ilaria-Cucchi-169874873028733/)

Caso Cucchi, la sorella Ilaria: “Il generale vuole colpire tutti quelli che hanno parlato”

Ilaria Cucchi non sta in silenzio e attacca il generale Nistri: “Il processo io, il mio legale e la mia famiglia lo abbiamo voluto fortemente ma il generale Nistri ha deciso di colpire tutti coloro che hanno parlato. Danno peso ai post di Casamassima ma non ci difendono da quelli infamanti e violenti partoriti da pagine di Facebook e troll in gran parte gestiti da appartenenti a Polizia e Carabinieri. Basta con gli insulti e violenze verbali, possono essere molto ma molto pericolosi“.

Sono rimasta stupita – conclude la sorella di Stefano – che i vertici dell’Arma hanno intenzione di punire i tre pubblici ufficiali che hanno deciso di rompere il muro dell’omertà. In un processo dove stanno emergendo responsabilità gravissime, siamo sicuri che vi sia proprio adesso una insopprimibile esigenza di punire proprio quelli che hanno parlato?“.

Di seguito il video con le dichiarazioni in conferenza stampa di Ilaria Cucchi

🔴 In diretta dalla sede della Stampa Estera a Roma, la conferenza stampa di Ilaria #Cucchi, Fabio Anselmo e Luigi Manconi.

Pubblicato da Agenzia di stampa DIRE su Giovedì 18 ottobre 2018

fonte foto copertina https://twitter.com/Adnkronos


Matera, vietato l’uso dell’acqua potabile

Caso Diciotti, il fascicolo a Catania. Salvini: “Lasciatemi lavorare”