Crollo del ponte a Genova, spunta reperto sui cavi corrosi

Le indagini per accertare le responsabilità sul crollo del Ponte Morandi a Genova potrebbero essere giunte a una svolta. Un reperto mostrerebbe l’avanzato stato di corrosione dei cavi di acciaio dentro lo strallo di cemento armato.

GENOVA – E’ il reperto numero 132. Quello che potrebbe dare una svolta nelle indagini relative al crollo del Ponte Morandi avvenuto lo scorso 14 agosto e costato la vita a 43 persone. Tra i reperti catalogati dai periti della procura e i consulenti ne è stato trovato uno, appunto, che mostrerebbe un avanzato stato di corrosione dei cavi di acciaio dentro lo strallo di cemento armato. Corrosione, secondo i militari della Guardia di Finanza, dovuta a manutenzioni carenti.

Ponte Morandi
Fonte foto: https://www.facebook.com/saidinitaly/

Analisi in Svizzera: il reperto del Ponte Morandi sarà spedito a Zurigo

Secondo quanto riporta il Secolo XIX, il reperto in questione verrà inviato in Svizzera per analisi più approfondite. Il reperto è ora sotto sequestro e si trova in un hangar in attesa di essere spedito a Zurigo.

Per gli inquirenti, infatti, il collasso del viadotto è stato causato dalla rottura degli stralli (i tiranti alla sommità della struttura) deteriorati da anni e per i quali era stato approvato il progetto di retrofitting, il rinforzo appunto delle pile 9 e 10. I lavori sarebbero dovuti partire tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019.

Intanto in Italia proseguono le indagini per provare a fare luce sulle cause effettive e sulle responsabilità dirette e indirette riconducibili al tragico crollo del Ponte Morandi che ha causato la morte di oltre quaranta persone lo scorso 14 agosto.

ultimo aggiornamento: 20-10-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X