Una delle poche funzioni in cui la suite di Google è carente è la possibilità di inserire le didascalie in Documenti Google. Ecco come aggirare il problema.

È facile aggiungere un’immagine al nostro documento in Google Docs ma l’inclusione di una didascalia è un discorso diverso. Questo perché Google non ha mai aggiunto una funzione apposita all’interno di Documenti. Inserire le didascalie in Documenti Google richiede un po’ di ingegno.

Per questo motivo esistono diversi metodi alternativi per la creazione di didascalie. Quelli che in gergo si chiamano workaround.

Scopriamo insieme come si può fare.

Creare una didascalia sfruttando la formattazione del testo

L’opzione più semplice tra tutte quante è quella di usare a nostro vantaggio le opzioni di formattazione per inserire del testo esattamente al di sotto della foto.

Fare ciò è davvero semplice ma poco versatile: se per un qualche motivo dobbiamo fare delle correzioni che modificano il numero di righe c’è il rischio che la didascalia fugga via dall’immagine, complicando di molto le cose.

In ogni caso apriamo il nostro documento di Google Docs e facciamo clic col tasto sinistro del mouse sull’immagine. Diamole come attributo in linea e poi spostiamoci col cursore sotto l’immagine da noi desiderata.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Digitiamo il testo che desideriamo e poi scegliamo di allinearlo centralmente facendo clic sull’apposito comando o usando la scorciatoia CTRL + MAIUSC + E.

Ecco il nostro primo esempio di procedura per la creazione di didascalie in Google Documenti.

Creare una didascalia sfruttando le funzioni del disegno di Google Documenti

Mentre il metodo precedente per aggiungere una didascalia è sicuramente funzionale, non è il miglior amico delle modifiche visto che la didascalia non rimane ancorata all’immagine.

Se non siamo ancora sicuri della versione finale del nostro documento e abbiamo necessità di ancorare il testo ad un’immagine possiamo sfruttare a nostro vantaggio le opzioni per disegnare di Google Documenti.

Mettiamo il cursore nel documento dove vogliamo inserire immagine e didascalia.
Facciamo clic, progressivamente, su inserisci, disegno e nuovo dal menu.

A questo punto dalla barra degli strumenti interna facciamo clic su immagine e carichiamo nel documento l’immagine che vogliamo. Inseriamola come preferiamo e poi facciamo clic su casella di testo nella barra degli strumenti.

Generiamo il riquadro dove vogliamo inserire la didascalia e scriviamola, avendo presente che possiamo formattarla esattamente come se fosse un normale testo all’interno di Google Documenti.
Una volta terminato possiamo fare clic su salva e chiudi per far apparire immagini e didascalia.

Se vogliamo modificare la didascalia portiamo il mouse sopra l’immagine e facciamo clic col sinistro. Dalla finestrella che comparirà facciamo clic sulla voce modifica dalla barra degli strumenti per poter interagire con ciò che abbiamo fatto.

Creare una didascalia sfruttando una tabella

Un altro modo semplice per creare una didascalia ancorata ad un immagine è quello di utilizzare le caratteristiche delle tabelle a nostro vantaggio. Questo è possibile grazie alla possibilità di rimuovere i bordi esterni della tabella, in modo da farla sembrare invisibile.

Posizioniamo il cursore all’interno del documento dove vogliamo inserire immagine e didascalia.

Facciamo clic su inserisci e poi su tabella. Qui scegliamo una tabella dimensioni 1 x 2, ovvero con una colonna sola e due righe.

Portiamo il cursore all’interno della cella superiore e qui inseriamo la nostra immagina facendo clic su inserisci e poi immagine. Se abbiamo già l’immagine nel documento possiamo trascinarla direttamente all’interno della cella.

Nella riga sottostante scriviamo la nostra didascalia, ricordandoci di formattarla secondo le nostre preferenze come se fosse un normale blocco di testo. Tutti gli strumenti presenti nella barra degli strumenti possono fare al caso nostro in questa occasione.

A questo punto, una volta ottenuta sia immagine che didascalia, facciamo clic col tasto destro del mouse sul bordo della tabella e facciamo clic su proprietà tabella.
In alternativa, sempre con la tabella selezionata, possiamo far clic su formato

In alto a sinistra sotto Bordo tabella selezioniamo 0 pt nel menu a tendina riguardante le dimensioni del bordo, facendo poi clic su ok.

Il risultato finale sarà quello di una tabella invisibile con dentro l’immagine che desideravamo e la didascalia corrispondente. A questo punto se decideremo di spostare la tabella immagine e didascalia si muoveranno di pari passo, per un risultato molto comodo da utilizzare.

Come creare una didascalia utilizzando un componente aggiuntivo di Google Documenti

Un altra procedura per la creazione di didascalia prevede l’utilizzo di un componente aggiuntivo di Google Documenti. Questo componente aggiuntivo chiamato Caption Maker è stato creato appositamente per gestire tutte le didascalie in una volta sola.

Questo componente aggiuntivo è molto utile se non abbiamo bisogno di realizzare didascalie specifiche ma ci basta etichettare le immagini come immagine 1, immagine 2, immagine 3 e così via.

Per utilizzare il componente aggiuntivo è necessario prima installarlo.
Dalla barra degli strumenti facciamo clic su componenti aggiuntivi e poi su installa componenti aggiuntivi.

A questo punto digitiamo nella barra di ricerca caption maker e facciamo clic sul risultato della ricerca. Facciamo clic su installa per installare effettivamente il componente aggiuntivo.

A questo punto, sempre facendo clic su componenti aggiuntivi dovremo vedere la scritta caption maker.
Facciamo clic su start per far aprire a Google Documenti una nuova colonna.

Qui facciamo clic su show options per permetterci di scegliere i nomi da dare alle immagini.
Se abbiamo inserito le immagini con i primi due metodi lasciamo il segno di conferma solo su images and drawings, se invece abbiamo inserito le immagini con il terzo metodo lasciamolo solo su tables. Se abbiamo inserito le immagini in entrambi i modi lasciamo i segni dappertutto.


Attraverso il segno di spunto su placement potremo scegliere se posizionare la didascalia delle immagini sopra o sotto le stesse. Evitiamo di toccare la voce format e numbering per non complicarci ulteriormente le cose.
Se vogliamo evitare di numerare le immagini, da new togliamo il parametro {c}.

Alla voce visual settings diamo qualche informazione in più al componente aggiuntivo su come vogliamo le nostre didascalie.

Una volta fatto ciò facciamo clic sulla voce captionize in fondo per iniziare la creazione delle didascalie.

Fonte foto copertina: pexels.com/photo/person-using-tablet-computer-near-mug-and-camera-1559041/


Come aggiungere una narrazione audio a PowerPoint

Come usare l’indice delle figure in Word per gestire le immagini