Il dispositivo antiabbandono in auto ancora non ha preso piede. Più del 40 per cento delle persone non è ancora in regola con la norma vigente.

Tanti italiani ancora non sono in regola per quanto riguarda il seggiolino antiabbandono o dispositivo antiabbandono, che alla fine del 2019 era venuto alla ribalta alla luce della nuova normativa tutt’ora in vigore. C’è di più. Nonostante molte persone non siano in regola, le sanzioni comminate sono poche, nell’ordine delle decine.

Cosa dice la normativa sul dispositivo antiabbandono

La normativa in vigore dalla fine del mese di novembre (2019) prevede che il dispositivo antiabbandono è obbligatorio per chi trasporta in macchina bambini fino a quattro anni. Si tratta di quei seggiolini intelligenti che mandano un segnale acustico nel momento in cui ci allontaniamo dalla macchina e il bambino è ancora a bordo. In poche parole, se lasciamo il bambino in macchina scatta una sorta di allarme. Questo sistema è nato per evitare tragedie che purtroppo hanno occupato le pagine di cronaca dei nostri giornali: bambini morti dopo essere stati dimenticati in macchina.

Di seguito le informazioni del Ministero dei Trasporti sul dispositivo antiabbandono in auto.

Molte persone non ancora in regola

A distanza di più di un anno dall’entrata in vigore della nuova normativa, secondo le ultime stima il 43% delle persone ancora non è in regola. Ovviamente la stima è fatta sulle persone che hanno l’obbligo di installare il dispositivo in quanto trasportano bambini fino a 4 anni. Numeri in qualche modo inaspettati. Alla fine del 2019 infatti il dispositivo antiabbandono era al centro delle discussioni e si era aperta una vera e propria caccia al seggiolino. Una ricerca durata evidentemente poco. Anche il governo si era attivato erogando dei buoni per l’acquisto del dispositivo.

Rialzino auto
Rialzino auto

Poche multe

L’altro aspetto sorprendente è che nonostante l’elevato numero di persone non ancora in regola, le multe per questa violazione sono state pochissime, si parla di meno di cinquanta multe, almeno stando ai dati a disposizione alla fine del mese di marzo (2021).

Dispositivo antiabbandono: le sanzioni

Ricordiamo che chi non è in regola rischia una sanzione da 83 a 333 euro. Inoltre vengono tolti cinque punti dalla patente. Non solo. Nel caso in cui il reato fosse ripetuto nell’arco di due anni si procederebbe con la sospensione della patente per un periodo da 15 giorni a due mesi.


Cgia Mestre, alle imprese aiuti per quasi 65 miliardi

Formula E, doppio appuntamento a Roma