A Torino distrutto il monumento dedicato ai caduti di Nassiriya. Condanna della politica.

TORINO – A Torino distrutto il monumento dedicato ai caduti di Nassiriya nella notte tra il 20 e il 21 agosto. Come raccontato da La Repubblica, la scultura, situata in corso IV Novembre, si compone di 19 figure umane stilizzate e unite tra loro.

L’opera è stata posata nel 2006 vicino piazza d’Armi per ricordare le vittime dell’attentato di tre anni. E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e risalire ai responsabili di questo gesto. Il monumento, come annunciato dal Comune, sarà ripristinato nelle prossime settimane.

L’atto vandalico

L’atto vandalico è stato registrato nella notte tra il 20 e il 21 agosto. A lanciare l’allarme è stato un passante, con le autorità locali che hanno subito avviato un’indagine per accertare meglio quanto successo e provare a risalire ai responsabili di questo gesto.

L’opera è stata recuperata e messa in sicurezza in un deposito comunale. Nei prossimi giorni saranno effettuati tutti gli approfondimenti del caso per capire l’entità del danno e capire gli interventi da realizzare per ripristinare e rimettere al suo posto l’opera. Il Comune ha garantito che Torino avrà nuovamente il monumento.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Torino
Torino

La condanna della politica

Gesto condannato dall’intero mondo della politica. “Gli uffici del Comune – ha scritto sui social la sindaca Appendino poco dopo il fatto – per verificare la possibilità di ripristino. Il pensiero mio e della città torna alle famiglie delle vittime“.

Critiche anche dal presidente del Consiglio regionale Stefano Alassia: “Esprimo sdegno e condanna per questo vile gesto. Un atto ripugnante e vergognoso. La strage di Nassiriya è una ferita ancora aperta in cui morirono 19 italiani e molti rimasero feriti. Un tributo di sangue che il nostro Paese ha pagato per la pace, la libertà e sicurezza dei popoli. Mi auguro che gli inquirenti individuino i responsabili e he il monumento venga al più presto ripristinato“.

ultimo aggiornamento: 21-08-2021


Morto Gino Strada, aperta la camera ardente

Omicidio nel Bolognese, 77enne uccide la moglie e poi tenta il suicidio