Scontro al governo nel Consiglio dei Ministri sul Milleproroghe (approvato salvo intese). Le concessioni autostradali e il piano tecnologico rappresentano i due nodi da sciogliere.

In sei ore di Cdm sul Milleproroghe è successo di tutto. Basti pensare che anche quest provvedimento alla fine passa Salvo Intese. Tradotto, quello che è stato deciso non rappresenta una certezza e lo scontro non è finito.

Già, perché di scontro si è trattato. Il vertice fiume è stato agitato soprattutto dalle concessioni autostradali e dalla presunta interferenza di Davide Casalaggio come consulente del governo per il piano di innovazione digitale, di competenza di un Ministero, quello dell’Innovazione tecnologica, che fa capo al Movimento 5 Stelle.

Nel dubbio Pd e Iv hanno deciso di congelare il provvedimento sospetto in attesa di chiarimenti da parte della ministra Paola Pisano, che ha ringraziato il figlio del co-fondatore del M5s al termine del lavoro sul piano per l’innovazione digitale in Italia.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Scontro sulle concessioni, il governo non si intende: tensione nel Cdm sul Milleproroghe

Il Milleproroghe rappresenta una sorta di rito politico per concludere l’anno, una sorta di scusa istituzionale per farsi gli auguri di buon Natale dopo una magari accesa ma breve discussione per mettere a punto gli ultimi dettagli.

Questa volta invece nella maggioranza giallorossa se le sono suonate di brutto e i problemi non sono ancora stati risolti. Non il modo migliore per concludere un anno difficile.

Ad animare la discussione è la rappresentante di Italia Viva Teresa Bellanova che apre le danze con uno scontro con Paola De Micheli sullo sblocco dei cantieri sulla Ragusa-Catania. Ma siamo solo all’antipasto. La discussione si sposta presto sulla revoca della concessioni stradali e sull’intervento di Anas, che assumerebbe in via temporanea il controllo delle tratte orfane di un gestore. L’inserimento del tema delle concessioni nel Milleproroghe sarebbe stata un’idea di Luigi Di Maio, forse nella speranza che in questo modo la discussione potesse essere meno accesa. E invece…

E invece all’interno della maggioranza di governo c’è chi vuole vederci chiaro. Il Movimento ha voluto inserire una norma per aprire la strada alle revoca delle concessioni ad Autostrade? O vuole semplicemente sbloccare alcuni dei tanti cantieri immobili? Bisogna fare chiarezza. Nel primo caso si dovrebbe anche interpellare il Parlamento, suggerisce a distanza Matteo Renzi.

Autostrade
fonte foto https://twitter.com/stefanoboni59

Franceschini blocca il Piano Digitale: dubbi del Pd e di Italia viva sulla possibile presunta collaborazione di Davide Casaleggio

Il secondo terreno di scontro non è meno scivoloso del primo. Al termine del lavoro per il piano digitale di Paola Pisano, la ministra ha ringraziato Davide Casaleggio, presidente della Casaleggio Associati. Il sospetto è che il figlio del co-fondatore del M5s abbia partecipato ai lavori come consulente. E sembra che abbia lavorato trattando proprio i temi e gli ambiti nei quali si muove la sua società. E questo sarebbe un grave caso di conflitto di interessi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
evidenza milleproroghe News palazzo chigi politica primo piano

ultimo aggiornamento: 22-12-2019


Gregoretti, l’appello di Salvini al Congresso della Lega: “Autodenunciamoci tutti”

Se cade il governo il Movimento è finito