Donald Trump sulla digital tax: “I Paesi che la metteranno saranno colpiti con dazi al 100%”. Francia e Italia nel mirino di Washington.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Donald Trump avvisa Italia e Francia sulla digital tax. Dalla Casa Bianca si sono detti pronti a introdurre dazi al 100% per tutti i Paesi che adotteranno questo provvedimento. Una legge, già approvata in Francia, che ‘colpisce’ i giganti americani del web e per questo Washington è pronta a reagire con l’aumento delle imposte su beni per un valore di 2,4 miliardi di dollari.

Questo rincaro dovrebbe entrare in vigore a gennaio per la Francia ma l’ex tycoon è pronto a ‘punire’ tutti gli altri Stati che decidono di seguire Parigi e tra questi anche Roma, Istanbul e Vienna.

Trump minaccia Francia e Italia

Nessuno sconto in caso di introduzione della digital tax. Donald Trump è pronto ad introdurre i dazi a tutti i Paesi che decideranno di adottare questo provvedimento nei prossimi mesi. Secondo quanto precisato dalla Casa Bianca, la tassa digitale porterebbe a delle discriminazioni fiscali contro le società americane.

E’ un chiaro segnale – hanno precisato da Washington – sul fatto che gli Stati Uniti agiranno contro i regimi di web tax che discriminano o impongono oneri spropositati sulle società americane“.

Donald Trump
Donald Trump

Aumento dei dazi per il caso Airbus?

La questione dazi tra Usa e Unione Europea tiene banco ormai da diverso tempo. Secondo le ultime indiscrezioni Washington sarebbe pronta ad aumentare i dazi per il caso Airbus. Tariffe che dovrebbero toccare i 7,5 miliardi di dollari sulle importazioni dall’Unione Europea.

Insomma, una ‘guerra’ che rischia di mettere a serio rischio i rapporti tra le due potenze mondiale. Con le imposte che, presto, potrebbero toccare anche i singoli Stati in caso di introduzione di digital tax. Nessuno sconto da parte di Trump anche se l’economia non sorride.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Digital Tax Donald Trump economia francia italia

ultimo aggiornamento: 03-12-2019


Approvato il decreto salva-Alitalia. Di Maio: “Tutti d’accordo sul prestito ponte”

Il nuovo piano di Unicredit: 500 filiali in meno e 8.000 esuberi entro il 2023