Una donna positiva al coronavirus è fuggita dall’ospedale di Palermo dopo aver partorito. Il piccolo è al nosocomio.

PALERMO – Una donna positiva al coronavirus è fuggita dall’ospedale di Palermo dopo aver partorito. Come riportato dall’Ansa, la madre del piccolo, rimasto nel nosocomio, è riuscita a far perdere le sue tracce con l’aiuto del marito nella giornata di sabato 31 luglio.

L’uomo è riuscito ad entrare fino alla stanza della moglie eludendo la sorveglianza dei vigilanti e subito dopo i due sono riusciti a scappare. Le ricerche sono iniziate subito e le forze dell’ordine stanno effettuando tutti i controlli del caso per provare a rintraciarla.

La donna si è dichiarata No-vax

La donna si è dichiarata, almeno secondo le prime testimonianze, No-vax. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso anche per accertare meglio quanto successo e capire anche come è avvenuta questa fuga. La madre del piccolo era stata ricoverata due giorni fa per il parto cesareo e subito dopo la nascita del piccolo è riuscita a far perdere le sue tracce insieme al marito.

Il bambino è rimasto al nosocomio e sono in corso le indagini per provare a rintracciare la donna. Gli inquirenti stanno effettuando tutti gli approfondimenti e nelle prossime ore ci potrebbero essere importanti novità su questa vicenda.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Polizia
Polizia

Indagini in corso

Le indagini sono in corso e gli inquirenti sperano di poter rintracciare la fuggitiva in poche ore. La donna è risultata positiva al coronavirus ed ora rischia una accusa di epidemia colposa.

Nella fuga un ruolo importante l’ha avuto anche il marito. L’uomo, infatti, è riuscito ad eludere la sorveglianza e aiutare la moglie a lasciare il nosocomio. I motivi di questo tentativo di far perdere le proprie tracce sembrano essere strettamente legate alla sua positività al coronavirus, con la donna che si è dichiarata una No-vax.


Papa Francesco: “Non si ama per ricevere un favore in cambio”

Tragedia in Val Bembana, morta una ragazza di 19 anni dopo essere precipitata in un dirupo