Dalle indiscrezioni sembra che Putin non sia né al Cremlino né a Sochi. Dove si nasconde?

Il presidente russo sta gestendo la catastrofe da molto lontano. Non si hanno notizie certe su dove si trova ora Putin e dove si stia nascondendo. Tra le varie ipotesi, oltre ad un bunker sotto il Cremlino e Sochi vi è anche un remoto luogo al confine con la Mongolia.

Per sfuggire ad eventuali attacchi e attentati ha deciso di non restate a Mosca nel suo Cremlino dove sarebbe troppo esposto a attentati da parte degli stessi russi che in questi giorni si stanno rivoltando per le strade a costo di essere arrestati e picchiati dalla polizia russa.

Di base un uomo molto schivo e prudente, ha vissuto in un bunker segreto anche durante la pandemia lontano da tutti e isolato. Non si troverebbe nemmeno nella residenza presidenziale di Novo-Ogaryovo vicino Mosca. Tra le varie ipotesi dei nascondigli di Putin ci sarebbe anche un bunker di Stalin a Samara costruito dall’ex capo dell’Urss durante la Seconda Guerra Mondiale o a Yamantau sugli Urali.

Vladimir Putin

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I misteri intorno a Putin

Insomma dove si sia nascosto e da dove stia manovrando questa atrocità che dura da più di due settimane Putin non è noto e non ha di certo intenzione di svelarlo. I suoi spostamenti su un auto blindata sono segreti vigilati da cecchini e i servizi segreti presidenziali e le strade vengono svuotate per il suo passaggio.

L’uomo più odiato al mondo in questo momento storico sta facendo parlare di sé anche per i vari misteri che circondano la sua persona. La presunta notizia di malattia e le teorie sul suo cambiamento fisico, l’assunzione di farmaci che avrebbero cambiato i suoi connotati e spiegato il suo isolamento. Non vi sono notizie certe su nulla di quello che riguarda il nuovo zar di Russia. Una cosa è certa è che preferisce restare lontano dai riflettori e si sta nascondendo molto bene.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-03-2022


Tornano cibi e bevande nei cinema e negli stadi

L’esodo delle compagnie occidentali dalla Russia lascerà migliaia di russi senza lavoro