Ecco il monopattino elettrico con quattro ruote sterzanti, si chiama Dragonfly ed arriverà entro fine anno in commercio.

Un team di ingegneri di veicoli, di nazionalità britannica e statunitense, è pronto per lanciare per fine dell’anno l’hyperscooter Dragonfly nella sua doppia versione DF e DFX un monopattino elettrico a quattro ruote. Utilizzando delle tecnologie di livello elevatissimo derivate dalla F1 e dall’industria aeronautica.

Lo startupper Jeremy Williman, al Times lo definisce: “l’equivalente della supercar per la mobilità urbana”. Quattro ruote sterzanti e frenanti, aumento della sicurezza. Questa particolarità è stata brevettata come “Full-TIlt Steering”. Sterzata con raggio ridotto con comandi tridimensionali per l’inclinazione e rotazione. Utilizzandolo in pratica come uno skateboard.

Monopattino
Monopattino

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I dettagli del modello

Più grande dei soliti monopattini, ma anche straordinariamente più leggero, con l’alluminio aeronautico serie 7000 e fibra di carbonio. Il peso è di 17,7 kg con una capacità di resistenza di oltre 160 kg. Dragonfly ha due motori da circa 550 W. Con una massima velocità pari a 40 km/h. Ci sono tre versioni di velocità, la D1 con un max di 15 km/h, D2 per arrivare ai 25 km/h e con D3 si finisce con i suddetti 40 km/h. Presente la retromarcia con velocità di appena 5 km/h. Batteria a litio con un autonomia annunciata di 80 km e una ricarica di circa tre ore.

Sospensione rigorosamente a doppio braccio a molla idraulica totalmente regolabile per le quattro ruote. Doppio impianto frenante con 2 freni totalmente meccanici dietro rigorosamente a tamburo e 2 freni elettrici modulati appunto sulle ruote davanti. Si può piegare come una valigia e trasportabile con una sola mano. Qui la nota dolente, il prezzo è di circa 3.035 euro. Diciamo non proprio alla portata di tutti.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-11-2022


Cambio gomme 2022: ecco quando vanno montate quelle invernali e chi è esente

MotoGP: ecco come Bagnaia o Quartararo possono vincere il titolo