Come funziona l’app EasyPark, utilissima per pagare facilmente il parcheggio? Ci sono dei costi per utilizzarla? E come creare un account aziendale?

Trovare parcheggio è un incubo? Lo è ancora di più trovare la colonnina blu per pagare? Niente paura, viene in soccorso la tecnologia, più in particolare un app per smartphone che promette di facilitare la vita enormemente ai guidatori. Si tratta di EasyPark, app leader in Italia e in Europa che permette di pagare facilmente il parcheggio sulle strisce blu. Nello specifico, l’app digitalizza il processo di pagamento e della durata della sosta. Basta identificare il codice dell’area in cui ci si trova, e stabilire l’inizio e la fine della propria sosta, evitando inutili perdite di tempo. Scopriamo insieme come funziona, i costi e altri dettagli utili da conoscere!

EasyPark: come funziona?

Il concetto alla base di EasyPark è molto semplice: si tratta di gestire la sosta a pagamento (non vale per i parcheggi con strisce bianche e ovviamente non nei divieti di sosta) del vostro mezzo a quattro ruote in maniera del tutto digitalizzata, a partire dall’inizio della sosta fino alla fine, gestendo il tempo effettivo pagandolo dall’app installata sullo smartphone. In particolare, la comodità è che si paga solo il tempo effettivo in cui il veicolo e parcheggiato nell’area di sosta con le strisce blu designata.

Applicazioni per smartphone
Applicazioni per smartphone

Inoltre, sull’app è presente una mappa in cui è possibile trovare le aree di parcheggio in cui è possibile usufruire del servizio, facendo ancora di più diminuire lo stress di quando si cerca parcheggio e non lo si trova. L’applicazione è disponibile in oltre 2000 città in Europa, con 46 solo in Italia (ma il numero è in rapido aumento).

Nel pratico, basta avere uno smartphone, andare sullo store online di riferimento (l’app è disponibile su iOS e Android) e scaricare l’applicazione. Una volta scaricata a e installata, il passo successivo è la registrazione al servizio: si tocca il logo della app e si inserisce il numero di cellulare. Successivamente bisogna ricaricare il proprio account, con una cifra a scelta tra 3, 10 o 25 euro. Una volta ricaricato, utilizzando la vostra carta di credito oppure il vostro account PayPal, si è pronti a usare l’applicazione.

Bisogna navigare sulla mappa presente, attivando la geolocalizzazione, e trovare l’area di parcheggio con un codice identificativo per quanto riguarda la tale area. Una volta trovato questo si inserisce il tempo di inizio e il tempo di fine della sosta, il numero di targa, e si può procedere con la finalizzazione. Il pagamento verrà effettuato al termine della vostra sosta, che potrà essere prolungata o accorciato a seconda della vostra necessità (basta utilizzare l’app e cambiare i parametri a piacimento).

Adesivo EasyPark: come procurarselo

Una volta che si è completata la registrazione, un’ultima cosa da fare è stampare l’adesivo EasyPark e attaccarlo sul parabrezza della vostra auto: esso testimonierà che si usufruisce di questo servizio, nelle città dove è attivo, e non si ha bisogno del biglietto tradizionale del parcometro.

L’adesivo si può trovare sul sito ufficiale dell’applicazione, scaricabile e stampabile su vostro pc se possedete una stampante. In caso contrario si può procedere tenendolo l’adesivo sul vostro cellulare, ma bisogna in ogni caso stamparlo per dimostrare agli ausiliari del traffico che usufruite del servizio. Si consiglia di utilizzare una carta adesiva per attaccarlo, ma se non si dispone si può servirsi di comune carta e metterlo nel taschino adibito per il bollo dell’assicurazione.

App EasyPark: costi di utilizzo ce ne sono?

EasyPark può essere utilizzata sia da privati che da aziende. Cambia la soluzione. Nel primo caso si può optare per un account EasyPark Small oppure EasyPark Large. Per quanto riguardo l’account Small, c’è un costo di commissione di 0,19, o 0,20 o 0,39 euro a seconda dell’area di sosta che si sceglie. Invece per il Large si tratta di un servizio in abbonamento che costa mensilmente 2,99 euro. Nelle città di Milano e Roma i costi non si applicano.

Invece per quanto riguarda le aziende, si può scegliere tra l’account Premium e quello Pro. Le tariffe in questi casi sono variabili, ma il primo è indicato per chi sosta meno di due volte a settimana, mentre il secondo per chi sosta più frequentemente e vuole risparmiare su molte ore di parcheggio.


MotoGP, Thailandia a rischio. Pronta l’Indonesia

F1, Portimao a rischio. Come cambia il calendario