Laura Boldrini dura in Aula contro il ministro dell’Interno Matteo Salvini: Avrebbe bisogno di qualche lezione di educazione civica.

Anche la decisione di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole lascia strascichi in Aula. Durante le discussioni Laura Boldrini ha preso la parola per attaccare Matteo Salvini, che da mesi aveva rilanciato la proposta di modificare la normativa vigente.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Laura Boldrini sull’introduzione dell’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole

Durante la discussione generale sono state ricordate le parole del presidente Pertini quando diceva che i ragazzi non hanno bisogno di sermoni. No, i ragazzi hanno bisogno di buoni esempi. Noi, colleghi e colleghe, siamo il buon esempio quando ci confrontiamo in maniera civile anche su questioni politiche che ci vedono molto distanti”.

“Siamo il buon esempio quando adempiamo alla nostra professione con disciplina e con onore“, ha dichiarato Laura Boldrini.

Senato
Senato

Laura Boldrini; Matteo Salvini avrebbe bisogno di qualche lezione di educazione civica

Laura Boldrini ha poi concluso il suo intervento con un duro attacco nei confronti di Matteo Salvini, considerato come un pessimo esempio per i giovani.

“Ma diamo ai giovani un pessimo esempio quando si usano tutti gli strumenti, tutti i mezzi per offendere l’avversario, quando lo si considera un nemico da annientare e da abbattere […] o quando si vuole classificare la festa del 25 aprile come un derby tra fascisti e comunisti. E se lo fa un ministro dell’Interno la cosa è ancora più grave. Allora l’esempio è pessimo. Penso che quel ministro abbia bisogno di qualche lezione di educazione civica“.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-05-2019


L’indiscrezione da Roma, Salvini pronto a mettere fine al governo con il M5S

Giudici di Bologna contro Salvini: il Comune deve concedere la residenza a due richiedenti asilo