Russia Unita ha vinto nuovamente le elezioni ma cala di 9 punti e ora il partito di Putin non può cambiare la Costituzione da solo. Boom dei comunisti, che passano dal 13 al 25%.

MOSCA – Si sono svolte in Russia le elezioni legislative per rinnovare la Duma. E ancora una volta Vladimir Putin incassa la vittoria ma perde consenso in maniera significativa.

Russia, Putin vince ma perde la “supermaggioranza”

Secondo i dati diffusi dalla Commissione elettorale centrale, Russia Unita si sarebbe aggiudicata il 45% dei voti, conquistando 240 dei 450 seggi parlamentari. Il partito del presidente conserva dunque la maggioranza assoluta ma rispetto al 2016 deve fare i conti con un calo di ben 9 punti percentuali e di circa un centinaio di seggi. Pertanto, non potrà modificare la Costituzione da solo.
Queste consultazioni sono state caratterizzate da un nuovo minimo storico di affluenza: il 45,15% in tre giorni di urne aperte, con la possibilità di optare per il voto elettronico.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Boom dei comunisti, “merito” di Navalny?

Balzo notevole del Partito comunista che raddoppia i propri voti passando dal 13% del 2016 a quasi il 25%. L’exploit della falce e martello si deve anche grazie all’appello del dissidente Navalny per un “voto intelligente”. L’oppositore incarcerato, nonostante sia alla guida di Nuovo Popolo, aveva invitato gli elettori a puntare sugli esponenti comunisti nei collegi uninominali, essendo quelli che avevano le maggiori probabilità di battere il candidato di Russia Unita.

https://www.youtube.com/watch?v=1Sb7AKHYL7c&t=78s

ultimo aggiornamento: 20-09-2021


Giorgetti: “Estensione del Green Pass per aumentare la libertà”

Green Pass obbligatorio, partita la raccolta firme per referendum abrogativo. Le adesioni online preoccupano il governo