L’ex negoziatore della Brexit, Michel Barnier, si candiderà alle primarie della destra con i Republicains. L’obbiettivo è di sfidare Macron nella corsa all’Eliseo.

PARIGI – Michel Barnier ha annunciato la propria candidatura in vista delle elezioni presidenziali francesi, che si terranno nell’aprile del 2022.

L’annuncio della candidatura

Ho preso la decisione di candidarmi alle elezioni presidenziali del prossimo aprile per portare il progetto alla destra di una ‘Francia riconciliata’. L’importante è unire, la destra, il centro. Si tratta di limitare e controllare l’immigrazione e di mettere il lavoro e il merito al centro della nostra società“. Così ha dichiarato il 70enne di La Tronche da Lac du Bourget, nella Savoia.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

https://www.youtube.com/watch?v=HYi93XzSi4s&ab_channel=FranceInter

La sfida delle primarie

L’ex commissario Ue ed ex negoziatore Ue Brexit diventa il quarto candidato nella corsa interna della destra, dopo Valérie Pécresse, Philippe Juvin ed Eric Ciotti. L’andamento delle primarie sarà chiarito nel corso di un congresso previsto per il 25 settembre.

Chi è Michel Barnier

Nato il 9 gennaio 1951, Barnier fa politica da quando era molto giovane. A 14 anni aderisce al Raggruppamento per la Repubblica, partito neogollista. Laureato all’ESCP di Parigi, è eletto deputato per cinque legislature consecutive. E’ stato ministro nei Governi Balladur e Juppé. Commissario europeo in più occasioni, nel 2016 ha diretto la Commissione sulla Brexit.


Claudio Durigon rassegna le dimissioni. Le scuse: “Mai stato fascista”

Silvio Berlusconi dimesso dal San Raffaele dopo il ricovero