Emil Zatopek è stato uno dei più grandi atleti della storia. Soprannominato la ‘Locomotiva umana’, ha vinto quattro ori olimpici.

Nato a Koprivnice nel 1922, Emil Zatopek è stato un atleta vincitore di quattro ori olimpici. È morto a 78 anni dopo una lunga malattia.

La storia di Emil Zatopek, la ‘Locomotiva umana’

Zatopek era noto per ansimare pesantemente mentre correva, e questa caratteristica divenne il suo marchio di fabbrica. Come conseguenza venne soprannominato la Locomotiva umana.

https://www.youtube.com/watch?v=_KdBskPSBww&ab_channel=Garra%26Fantasia

Gli allenamenti di Emil Zatopek, ‘inventore’ dell’interval training

Zatopek fu arruolato negli anni della Seconda Mondiale ma anche durante il servizio militare continuò a coltivare la sua passione per la corsa, che ormai aveva iniziato a vedere come la sua alternativa per il futuro.

Nelle condizioni difficili del periodo bellico Emil si esercitò ovviamente per necessità su ogni tipo di terreno e non sempre in condizioni propriamente agevoli.

Secondo la tradizione proprio in questi anni mette a punto un sistema di allenamento innovativo: le ripetute da 400 metri con 200 metri di recupero. Quello che oggi è conosciuto come Interval Training.

Le Olimpiadi di Londra e Helsinki

Nel 1948 il mezzofondista e maratoneta cecoslovacco partecipa alle Olimpiadi di Londra, le prime dopo gli eventi bellici. Vinse i 10000 metri (alla sua seconda gara su quella distanza) e arrivò secondo dietro al belga Gaston Reiff nei 5000 metri piani.

“Dopo tutti questi giorni bui di guerra, bombardamenti, uccisioni, la ripresa delle olimpiadi é stata come il rispuntare del sole. Sono entrato dentro il villaggio olimpico e improvvisamente non c’erano più frontiere e barriere. Ma gente di tutte le nazionalità che si incontravano. Uomini e donne che avevano perso 5 anni di vita erano di nuovo li”, ha dichiarato Zatopek in una delle sue frasi divenute celebri. “Se vuoi vincere qualcosa, corri i 100 metri. Ma se vuoi vivere una vera esperienza, corri una maratona“, è un’altra frase indicativa del carattere della Bestia di Praga, come sarebbe stato soprannominato.

L’anno seguente stabilì il record mondiale nella specialità prediletta.
La fama di Emil Zatopek è legata principalmente alla straordinaria impresa realizzata ai Giochi olimpici del 1952 di Helsinki, durante i quali vinse tre medaglie d’oro nell’atletica leggera. Dopo aver primeggiato nei 5000 metri e nei 10000 metri piani, conquistò la terza medaglia nella maratona, gara in cui decise di competere all’ultimo minuto e che disputava per la prima volta in carriera. In ognuna di queste gare stabilì anche il record olimpico.

Emil Zatopek e la Primavera di Praga

Considerato un eroe in Cecoslovacchia, Zatopek fu una figura influente del Partito Comunista. Appoggiò successivamente l’ala democratica del partito, e dopo la Primavera di Praga e il successivo intervento sovietico, venne rimosso da tutti gli incarichi importanti e costretto a lavorare in una miniera di uranio.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Bum-Bum Boris Becker, il campione di tennis che ha fatto la storia a Wimbledon

Chi è Enea Bastianini, il campione del mondo 2020 della Moto2