Napoli, è morto il noto attore Ennio Fantastichini: era stato ricoverato settimane fa, è scomparso a causa di una emorragia cerebrale.

È morto a Napoli il noto attore Ennio Fantastichini, ricoverato in rianimazione settimane fa, si era detto a causa di una polmonite.  L’attore si trovava all’Ospedale Federico II di Napoli. È morto a causa una grave emorragia cerebrale in seguito a una leucemia acuta.

Ennio Fantastichini
Fonte foto: https://www.facebook.com/CriticonaLa/?tn-str=k%2AF

Napoli, morto Ennio Fantastichini

Attore di cinema e di serie televisive, Ennio Fantastichini è morto all’età di sessantatré anni lasciando un vuoto nel cuore del pubblico napoletano che lo ha sempre apprezzato. Nelle scorse settimane era stato ricoverato in rianimazione forse a causa di una polmonite ma la notizia non era stata confermata dai suoi familiari e dal suo manager lasciando diversi dubbi sulla vicenda. Le prime notizie che erano giunte da Napoli parlavano di una situazione grave ma non critica. Purtroppo invece l’attore non ce l’ha fatta e si è spento per cause che non sono state rese note. È morto a causa una grave emorragia cerebrale in seguito a una leucemia acuta

I film di Ennio Fantastichini

Fantastichini, particolarmente amato nella sua Napoli, era apprezzato in tutta Italia per le sue partecipazioni in film e serie televisive di grandissimo successo. La consacrazione presso il grande pubblico è arrivata forse con Saturno Contro di Ferzan Ozpetek, ma in precedenza aveva già preso parte a capolavori del calibro di Porte Aperte. Ennio Fantastichini è stato anche candidato alla vittoria del David di Donatello per la sua interpretazione in Ferie d’agosto, al fianco di Sabrina Ferilli. Ma Ennio era diventato un volto noto anche del piccolo schermo per la sua partecipazione, ad esempio, a Squadra Antimafia, tanto per citarne una.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca Ennio Fantastichini evidenza Napoli News

ultimo aggiornamento: 02-12-2018


Calabria, incendio in una tendopoli: una vittima

Decreto Sicurezza, al via le espulsioni dal Cara più grande d’Italia