Secondo l’intelligence internazionale sul campo l’esercito russo non sarebbe guidato da nessun comandante.

A riportare la fonte dell’intelligence internazionale è il New York Times secondo cui l’avanzata dell’esercito russo starebbe andando allo sbando senza un comandante che coordini le operazioni sul campo. In questi giorni molte fonti dell’intelligence occidentale hanno rivelato la reale situazione della guerra in Ucraina e sembrano confermare il fallimento russo.

Non sembrano essere solo ipotesi le voci che circolano sull’andamento dell’esercito russo. Le varie fonti sembrano convergere su una seria situazione di difficoltà delle forze russe. Ora secondo fonti americane di alto rango la Russia starebbe portando avanti la sua campagna militare in Ucraina senza un comandante centrale di guerra sul terreno. Inoltre, le truppe di aria, terra e acqua si muovono in modo non sincronizzato.

La redistribuzione dell’esercito prevede tra le 1.200 e 2000 truppe russe in tre battaglioni tattici, secondo l’intelligence britannica. Questa sarebbe una conseguenza dell’andamento fallimentare dell’esercito russo e la volontà di contenere le diverse perdite subite. La strenua resistenza ucraina incontrata dai soldati russi ha costretto il Cremlino ad una rimodulazione delle forze arme e dell’invasione stessa che non è andata secondo i piani sperati. Per il Pentagono questo porterà a un conflitto “più ampio e lungo” di quanto si poteva prevedere qualche settimana fa.

soldato russo kalashnikov
soldato russo kalashnikov

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’esercito russo vittima del Cremlino

Nonostante i separatisti filorussi del Donbass chiedano un referendum per essere annessi alla Russia, la resistenza ucraina presente in quella regione non sta dando vita facile all’Armata Rossa. Per questo, Putin ha deciso di schierare tutte le sue forze lì andando via da Kiev. Ma secondo gli americani gli ucraini “hanno ancora molte forze là e combattono duramente per quella zona. Solo perché i russi danno la priorità e dispiegano più truppe ed energia in quella regione, non significa che per loro sarà facile”.

L’opinione del fallimento russo è condivisa da tutti i britannici che convengono sul fatto che “la reputazione di questo grande esercito russo è stata distrutta” e il leader del Cremlino “non solo ora dovrà vivere con le conseguenze di ciò che ha fatto in Ucraina, ma anche con le conseguenze di ciò che ha fatto al suo stesso esercito”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-04-2022


Rischiamo di restare senza gas russo?

Concorsi pubblici: quali sono i bandi che scadono ad aprile 2022