Arriva l’esito dell’autopsia su Alessandra Matteuzzi, la donna di 56 anni uccisa dall’ex compagno Giovanni Padovani, la sera del 23 agosto.

I risultati dell’autopsia, confermerebbero che Alessandra sia stata colpita alla testa molte volte. I dati inoltre, palesano profonde lesioni all’altezza del torace. La causa legata alla morte di Alessandra, messa a fuoco dal medico legale Guido Pelletti, sarebbe quindi da imputare ad un’emorragia causata dallo sfondamento del cranio. Andrea Romito, giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bologna, avrebbe convalidato l’arresto e predisposto la custodia cautelare in carcere, per Giovanni Padovani.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La denuncia

Alessandra aveva denunciato più volte il Padovani: il 29 luglio si era recata in una caserma dei carabinieri di Bologna per esporre le liti con il compagno, dicendo: “Tutte le volte in cui ho accondisceso alle sue richieste, è stato per paura di scatenare la sua rabbia”. Nonostante i tentativi della donna, la rabbia di Giovanni è esplosa senza rimedio, la sera del 23 agosto. Alessandra è stata uccisa brutalmente a martellate. Prima della tragica notte però, le ossessioni del Padovani su di lei, non erano ancora mai stati calibrati in violenze fisiche vere e proprie: “È stato più volte aggressivo nei miei confronti, non ha mai usato violenza fisica, sfogando la sua rabbia, sempre dovuta alla gelosia, con pugni sulla porta”. Nonostante la segnalazione di Alessandra, nei confronti dell’uomo non erano state disposte misure cautelari.

Cadavere
Cadavere

Il comportamento di Padovani nei suoi confronti, era diventato a dir poco ossessivo: in alcuni periodi, l’uomo le chiedeva di inviargli video ogni dieci minuti, per sapere dove si trovava e che persone incontrava. Ma non è tutto: la donna aveva inoltre scoperto, a febbraio, che le password dei suoi profili social erano state tutte cambiate. “Ho potuto constatare che erano state modificate sia le email che le password abbinate ai miei profili, sostituite con indirizzi di posta elettronica e password riconducibili a Padovani”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 28-08-2022


Immigrazione: Pd vuole abolire la Bossi-Fini

Rotterdam: camion investe folla riunita