Il sole cocente di questa estate, avrebbe consentito all’Europa di risparmiare 29 miliardi di euro solo nel periodo tra maggio e agosto.

I soldi risparmiati sarebbero andati ai fornitori extra-Ue di gas. In Italia, la spesa destinata all’energia elettrica prodotta con gli impianti fotovoltaici è stata pari a 3,8 miliardi. Una cifra che si dimostra ben più alta (circa 5,7 miliardi) se l’Italia avesse un parco solare pari a quello dell’Olanda.

La realtà dei fatti, invece osserva che non solo sono aumentati i consumi di gas e di carbone, ma anche le emissioni di Co2: la crescita dell’inquinamento ad opera dalle centrali elettriche rispetto allo stesso periodo del 2021, è stato del 13%. Questo è quanto emerge da uno studio e dai dati del think tank Ember.

pannelli fotovoltaici
pannelli fotovoltaici

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il resoconto di Ember

L’analisi di Ember si focalizza sulla crescita della produzione di elettricità da fotovoltaico nei Paesi Ue, che ha garantito di generare 99 TWh tra maggio e agosto 2022, ben 22 TWh in più rispetto allo stesso periodo del 2021. Se si osserva solo l’aumento di produzione fotovoltaica, Ember segnala che sono stati risparmiati 4 miliardi di metri cubi di gas e oltre 6 miliardi di euro. I meriti? Un grazie va al sole record, ma anche di chi ha continuato a investire sugli impianti fotovoltaici in questi anni.

Su tutti, il caso di successo che salta subito all’occhio è quello dell’Olanda: il governo di Amsterdam, nonostante la presenza del giacimento di gas tra i più importanti in Europa, quello di Groeningen, ha messo il freno sull’estrazione di idrocarburi su terraferma e ha accelerato sull’installazione di pannelli. Nel 2020, secondo i dati dell’Onu, l’Olanda è lo Stato Ue con la maggiore capacità installata pro-capite, ossia 765 watt per ogni abitante.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-09-2022


Tangenti nel Salento, arrestate 10 persone

Zelensky: “Pensate ancora di spaventarci?”