Europei pallanuoto femminile, Italia-Spagna 10-16. Primo k.o. per il Setterosa che paga l’imprecisione (5/14 in superiorità numerica).

BUDAPEST (UNGHERIA) – Europei pallanuoto femminile, Italia-Spagna 10-16. Primo k.o. per le ragazze di coach Zizza che hanno pagato sia un po’ di imprecisione che di sfortuna. 5/14 in superiorità numerica è un dato negativo per il Setterosa anche se molte ragazze hanno avuto qualche piccolo problema fisico e sono scese in acqua non al meglio. Da segnalare le triplette di Garibotti e Bianconi.

Alcune ragazze – ha detto il c.t. Zizza nel post partita – non sono state bene e questo ha condizionato la sfida. Preferisco soffermarmi, però, sui gol non fatti in superiorità numerica e quelli subiti in inferiorità. Nel giorno di riposo recupereremo un po’ le forze e correggeremo gli errori fatti“.

Il resoconto della sfida

Rispetto alla partita contro la Germania, Zizza si è dovuto affidare a Sparano in porta visto che la Gorlero non era al meglio della condizione. Primi due tempi davvero difficile per la squadra azzurra che si è ritrovata all’intervallo lungo sotto di cinque gol con un parziale di 9-4 per le iberiche.

Non semplice la rimonta che, infatti, non è arrivata. Più equilibrati, però, gli ultimi due tempi con la squadra spagnola che complessivamente ha avuto un parziale di 7-6 che ha portato al definitivo 16-10. Qualche rammarico per i colori italiani c’è ma il tempo per recuperare c’è e dopo il giorno di pausa è in programma la delicata sfida contro le campionesse uscenti dell’Olanda.

Fin
fonte foto https://www.facebook.com/Federnuoto/

Il tabellino della sfida

Di seguito il tabellino di Italia-Spagna 10-16 (2-5 2-4 3-3 3-4)

Italia: Gorlero (GK), Tabani, Garibotti 3, Avegno 1, Queirolo, Aiello, Marletta 2, Bianconi 3, Emmolo 1, Palmieri, Chiappini, Carrega, Sparano (GK). Coach Zizza

Spagna: Ester Ramos (GK), Bach Pascual, Espar Llaquet A. 2, Ortiz Munoz, Tarrago Aymerich 7, Gonzalez Lopez 1, Espar Llaquet C., Pena Carrasco 1, Forca Ariza, Crespi Barriga, Garcia Godoy 3, Leiton Arrones 1, Sanchez Gonzalez (GK). Coach Oca

Arbitri: Rakovic (Serbia) e Stavridis (Grecia)

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Federnuoto/


Marco Pantani, “il Pirata” avrebbe compiuto 50 anni. Era nato a Cesena il 13 gennaio 1970

A forte rischio gli Australian Open: ritiri e malori durante le qualificazioni per il fumo degli incendi