Emergenza Covid, cancellato il GP del Giappone di Formula 1. Il comunicato: “Si lavora sui dettagli del calendario rivisto”.

La Formula 1 torna a fare i conti con l’emergenza Covid e annuncia di aver cancellato il GP del Giappone, in programma per il prossimo 10 ottobre. La decisione è stata assunta “dopo lunghe discussioni con gli organizzatori e le autorità giapponesi“, si legge nel comunicato pubblicato sui canali ufficiali della F1.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

Formula 1, cancellato per il Covid il GP del Giappone

Dopo lunghe discussioni con gli organizzatori e le autorità giapponesi, è stata presa la decisione da parte del governo del Giappone di cancellare la gara in questa stagione a causa delle complessità causate dalla pandemia nel paese“, si legge nel comunicato ufficiale diramato sui canali ufficiali della Formula 1.

Si tratta del terzo GP del Mondiale di Formula 1 che salta a causa del Covid. In precedenza erano stati cancellati il Gran Premio di Singapore e quello di Melbourne.

Di seguito il tweet condiviso sul profilo ufficiale della Formula 1.

Riflessioni in corso sul nuovo calendario: la gara potrebbe essere sostituita per lasciare invariato il numero di gare

L’intenzione è quella di sostituire il Gran Premio del Giappone con un nuovo appuntamento così da lasciare invariato il numero di gare in calendario.

La Formula 1 sta ora lavorando sui dettagli del calendario rivisto e annuncerà i dettagli finali nelle prossime settimane. La Formula 1 ha dimostrato quest’anno e nel 2020 che possiamo adattarci e trovare soluzioni alle incertezze in corso ed è entusiasta del livello di interesse nei luoghi che ospiteranno gli eventi di Formula 1 quest’anno e oltre“.

Al momento si valutano le alternative effettivamente a disposizione per sostituire l’appuntamento in Giappone con un’altra gara, ma per ulteriori informazioni si dovranno attendere diversi giorni se non addirittura settimane.

ultimo aggiornamento: 18-08-2021


Enac, multa da 35mila euro a Ryanair

Enac, via libera a Ita dopo il volo di prova