Il legale di Shernon, il gruppo che aveva rilevato Mercatone Uno, ha confermato che gli ultimi clienti non avranno la merce per la quale avevano già pagato.

Doccia gelata per gli (ormai) ultimi clienti di Mercatone Uno, passata nel frattempo alla Shernon Holding Srl. L’avvocato Marco Angelo Russo, legale della società, ha ribadito che gli ultimi ordini dei clienti che avevano dato fiducia all’ex colosso della grande distribuzione non saranno evasi.

Mercatone Uno, clienti beffati

Nell’ultimo periodo, ci sono stati circa 10.500 ordini in tutta Italia. Chi aveva dato un acconto, chi saldato tutto per arredare la propria casa (una cucina piuttosto che un soggiorno). Ebbene, centinaia o migliaia di euro persi per sempre, perché l’ex Mercatone Uno non evaderà gli ordini. Tradotto: i clienti non riceveranno la merce né avranno indietro i soldi.

https://www.youtube.com/watch?v=OybVkawv1HE

Shernon Holding, la comunicazione ai clienti

Il legale, riporta il Resto del Carlino, ha scritto una lettera indirizzata a creditori e consumatori in cui comunica “lo scioglimento dal contratto per l’acquisto dei beni mobili concluso con Shernon Holding srl“. Questo dopo essere stato “autorizzato dagli organi della Procedura a sciogliersi dai contratti pendenti con i consumatori“.
La crisi patrimoniale, economica e finanziaria che ha colpito la Shernon – ricorda l’avvocato Russo – non ha consentito alla società poi fallita di approvvigionarsi regolarmente della merce necessaria per evadere gli ordini via via ricevuti sicché, sulla scorta delle risultanze inventariali, è risultato impossibile darvi seguito“.

Il fallimento

Cosa possono fare adesso i consumatori-creditori dell’ex Mercatone Uno? Hanno diritto a insinuarsi al passivo del fallimento. Anche se, in quanto creditori chirografari, rischiano di avere ben poca soddisfazione da eventuali rimborsi.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
crediti economia fallimento Mercatone Uno News ordini shernon holding

ultimo aggiornamento: 08-12-2019


Auto elettriche, il progresso passa anche per lo sfruttamento minorile nelle miniere di Cobalto in Congo

Ex Ilva, ArcelorMittal offre un miliardo per lasciare l’Italia