Fallimento del Parma, condanna a quattro anni per Ghirardi, sei per Leonardi, ex presidente ed ex Amministratore delegato del club gialloblu.

Fallimento del Parma, condannati Ghirardi e Leonardi, il primo a quattro anni, il secondo a sei. I due erano a processo per il fallimento del Parma con le accuse di bancarotta fraudolenta e reati patrimoniali.

Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a sei anni di carcere per Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi, rispettivamente ex presidente ed ex Amministratore del Parma che finì la sua parentesi con il fallimento.

Tommaso Ghirardi
Tommaso Ghirardi

La sentenza di primo grado

L’ex Presidente del Parma Tommaso Ghirardi è stato condannato quattro anni, mentre l’ex Amministratore delegato Pietro Leonardi è stato condannato a sei anni.

I giudici si sono espressi sulla richiesta dell’accusa contro Ghirardi e Leonardi e contro altri 13 imputati per i quali erano state richieste pene minori e che hanno deciso di avvalersi del rito abbreviato.

Tribunale
Tribunale

Il fallimento del Parma

Il fallimento del Parma risale al mese di marzo del 2015, dopo la cessione del club da Ghirardi a Rezart Taci e quindi a Giampietro Manenti. La squadra ducale fu costretta a ripartire dalla Serie D, dalla quale sarebbe riemersa Parma Calcio in pochi anni tornando infine in massima serie con un nuovo progetto solido e consolidato sia dal punto di vista sportivo che dal punto di vista economico-societario.

Si tratta di una delle pagine più buie del Parma che vanta una storia ricca di successi e rappresenta una delle più belle realtà del calcio italiano. Hanno vestito la maglia del club giocatori del calibro di Gianluigi Buffon e Fabio Cannavaro, tanto per fare due nomi della storia relativamente recente della squadra.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calcio news cronaca Parma sport

ultimo aggiornamento: 23-07-2020


Serie C, è festa Reggiana. Kargbo ‘abbatte’ il Bari e regala la B ai granata dopo 21 anni (FOTO)

Scontri ateneo Torino, disposte misure cautelari nei confronti degli antagonisti