Fassone: “Non andare in Champions non sarebbe un dramma”

Il dirigente rossonero ha parlato del futuro del Milan, ma anche del suo passato nelle altre big italiane. Ecco le dichiarazioni di Marco Fassone.

chiudi

Caricamento Player...

Dal suo ruolo (fondamentale) nel Milan di oggi al futuro del club rossonero, passando per le sue esperienze con Juventus, Napoli e Inter. L’amministratore delegato milanista, Marco Fassone, ha rilasciato una lunga intervista al Guerin Sportivo. Ecco le sue dichiarazioni: “Nelle altre società dove ho lavorato avevo sempre una “rete di protezione” perché, bene o male, c’erano altre persone che avevano l’ultima parola in un processo decisionale al quale partecipavo, ma che non determinavo no in fondo. Qui al Milan invece la proprietà demanda tutto al management e quindi il compito di decidere spetta a me. Sono di fronte a una specie di “O vinco o perdo” che però è stimolante. Sono convinto che faremo bene anche perché ho una squadra di collaboratori di comprovata esperienza e bravura”.

Serie A, ottava giornata: Inter-Milan domenica alle 20.45

L’obiettivo del Milan è chiudere il campionato nei primi quattro posti, ma in caso di mancata qualificazione alla prossima Champions League il progetto cinese andrebbe comunque avanti: “Non andare in Champions non sarebbe un dramma – afferma Fassone – perché alla Uefa ho presentato anche dei piani che non prevedono la qualificazione alla Champions, ma avere 40 milioni di euro di fatturato in più sarebbe… positivo (sorride, ndr) e ci consentirebbe di non dover pensare alla cessione di un giocatore. Juventus e Napoli sono più forti delle altre e la nostra corsa per entrare nelle prime quattro la dobbiamo fare su Roma, Inter e Lazio. Quando si inizia un nuovo progetto sono consapevole che ci vuole tempo e non si vince al primo anno, ma cercheremo di dar fastidio a tanti. Vogliamo che i nostri giocatori mettano in campo tutte le energie e il sudore possibili, che diano insomma sempre il massimo per rispettare i tifosi e la storia di questo grande club. Il prossimo anno, poi, inseriremo altri 2-3 elementi nei ruoli che l’allenatore e Mirabelli riterranno più opportuni”.

Nel corso dell’intervista, come detto, Fassone ha parlato delle sue passate esperienze lavorative: “Parlare di me stesso e della mia carriera non è facile, ma sono soddisfatto delle mie esperienze. La Juve, dopo avermi dato la gestione del marketing, mi ha affidato la responsabilità dei ricavi e poi del progetto della costruzione del nuovo stadio, un qualcosa che non era mai fatto da nessuno. De Laurentiis invece è stato il primo ad accordarmi la direzione generale di una società e quella è stata una parentesi formativa molto importante per me che non avevo mai avuto compiti nella parte sportiva. Senza il coraggio che ha avuto lui, adesso non sarei qui e senza dubbio le due stagioni al Napoli sono state fondamentali per arricchire il mio background. Moratti mi ha invece chiesto di andare all’Inter nel momento in cui aveva deciso di portare avanti il processo di cessione della maggioranza e quando è arrivato Thohir alla guida del club mi ha coinvolto nel rifinanziamento del debito. La mia vita professionale insomma è stata una somma di esperienze piuttosto variegate e probabilmente tutto questo è stato fondamentale per il mio arrivo al Milan”.