Fedez ha deciso di registrare un dominio per le elezioni 2023. Il cantante entra in politica?

ROMA – Per Fedez possibile ingresso in politica. Il cantante, dopo i diversi botta e risposta con Matteo Salvini, ha deciso di registrare un dominio che sembra essere un chiaro indizio di una sua intenzione di candidarsi alle elezioni politica 2023.

Come riferito dal Corriere della Sera, la società del rapper milanese ha deciso di registrare fedeelezioni2023.it e nelle prossime settimane potrebbero essere pubblicate le prime cose. Al momento il sito è ancora in attivo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il duello social con Matteo Salvini

Fedez e Matteo Salvini nei mesi scorsi sono stati protagonisti di diversi duelli social. Il Concertone del Primo Maggio ha aperto a questo scontro a distanza, con il leader della Lega che in una delle sue uscite ha sottolineato come “preferisco Orietta Berti“.

Ora tra i due potrebbe esserci un confronto in Parlamento anche se non ci sono particolari conferme sull’impegno di Fedez in politica. Il cantante, infatti, non ha svelato il motivo dell’acquisto di questo dominio e nei prossimi giorni ne sapremo sicuramente di più.

In caso di conferma, il progetto del rapper è sicuramente a lungo termine. E resta da capire se si arriverà a fine legislatura oppure si voterà prima.

Fedez
Fedez

Fedez in campo con il Pd?

Sono diversi i dubbi ancora da sciogliere. Il nome di Fedez in passato è stato accostato diverse volte al Pd e, in caso di discesa in campo, difficile la creazione di un suo partito. Molto probabilmente il rapper si candiderà con i dem per cercare di entrare in Parlamento.

Nelle prossime settimane sicuramente si avranno maggiori informazioni. Non c’è stata, come detto, una conferma da parte del rapper e per questo motivo non è chiaro cosa ha portato la sua società ad acquistare questo dominio.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 10-11-2021


Mattarella: “Il Pnrr è un’occasione storica. Ripresa iniziata”

Dl Green Pass approvato in Senato. Ora il testo passa alla Camera