Il fatto risale alla nottata di ieri: un 22enne sprovvisto di patente ha investito un bambino di 11 anni, mentre era sulla sua bicicletta.

Era mezzanotte e un quarto quando un ragazzino, giovanissimo, di soli 11 anni, è stato travolto e ucciso mentre era in bicicletta da un pirata della strada. Il pirata della strada, in seguito all’incidente, si è costituito alla polizia. Il colpevole era alla guida di una Smart senza aver conseguito la patente.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La vicenda 

Il colpevole è un ragazzo 22enne di origine marocchina: ha travolto il giovane mentre era alla guida della sua auto. Attualmente sono in corso gli accertamenti del caso da parte della Polizia, che stanno svolgendo tutti gli esami necessari. 

Purtroppo, è stato inutile l’intervento del personale medico sanitario del 118, giunto immeditatamente sul posto. Il giovane 11enne, di origine egiziana, è deceduto subito dopo l’impatto con il veicolo. In un primo momento, il colpevole sarebbe fuggito omettendo i soccorsi alla vittima. Successivamente, intorno alle quattro e mezza del mattino stesso, si sarebbe costituito alle forze dell’ordine. 

Categorie patente

Il 22enne era alla guida di una Smart intestata a una società. Adesso, nonostante si sia costituito, essendo scappato in un primo momento dovrà rispondere alle accuse di omicidio stradale ed omissione di soccorso. 

Secondo quanto riferito dagli investigatori che hanno condotto l’interrogatorio, avrebbe detto di non aver compreso quanto commesso e di essere fuggito in quanto non sarebbe in possesso della patente. L’alcol test gioca a suo favore: dagli esami è risultato negativo. 

Adesso, gli investigatori attendono l’esito degli ulteriori esami tossicologici a cui il 22enne è stato sottoposto. Il giovane non era in possesso della patente, e la macchina di cui era alla guida non era sua: risulta essere intestata ad una società. 

Il padre del bambino deceduto nell’incidente era vedovo da un anno. Gestisce un bar-ristorante in via Bartolini, in zona viale Certosa, situato nella periferia di Milano. Ed è proprio in quella zona che si è verificato il fatale incidente: il bambino, che a breve avrebbe compiuto 12 anni, è stato ritrovato morto ad una ventina di metri di distanza dal locale gestito da suo padre. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 10-08-2022


Bari, violenta due turiste: arrestato 

Capotreno molestata, il macchinista la difende ma viene picchiato