Ferrari, i dubbi di Sainz e Leclerc. Entrambi i piloti sperano di avere una monoposto più competitiva nel 2021.

ROMA – Ferrari, i dubbi di Sainz e Leclerc. La stagione deludente della scuderia di Maranello ha portato delle perplessità nei piloti in vista del 2021. La speranza di entrambi è di poter avere una monoposto competitiva almeno per il podio per poi nel 2022 ritornare a lottare per il mondiale.

Il percorso è sicuramente molto complicato con Sainz e Leclerc che, anche se non pubblicamente, sembrano avere dei ripensamenti sugli accordi trovati con la Rossa. Troppo tardi per fare un passo indietro, si spera in una vettura migliore per cercare di centrare traguardi importanti.

Leclerc e le insidie Red Bull e Mercedes

Charles Leclerc è uno dei piloti più ambiti in tutto il circus. La Ferrari non sembra aver nessuna intenzione di privarsi del monegasco anche se il futuro non sembra essere chiaro.

Il contratto quinquennale (fino al 2024) potrebbe non essere rispettato visto che Mercedes e Red Bull seguono da vicino il pilota e, in caso di una rottura, sono pronti ad affondare il colpo. Maranello è pronto a reagire con una vettura più competitiva.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

I dubbi di Sainz

Anche da parte di Carlos Sainz qualche dubbio è stato avanzato sul futuro della Ferrari. Il pilota spagnolo al termine di questa stagione inizierà a lavorare per aiutare la Rossa a costruire una monoposto molto più competitiva rispetto al 2020.

L’obiettivo minimo sarà quello di poter combattere almeno per il podio per poi rientrare nella lotta per il podio nel 2021. Si tratta di due traguardi che dovrebbero essere minimi da essere raggiunti per una scuderia come la Ferrari. Le ultime stagioni, però, hanno dimostrato che nulla è scontato soprattutto negli ultimi anni. Leclerc e Sainz sono pronti a collaborare per rilanciare la scuderia di Maranello.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Carlos Sainz Charles Leclerc ferrari motori

ultimo aggiornamento: 08-09-2020


GP Mugello, Binotto: “Speriamo di fare meglio di ciò che abbiamo realizzato nelle ultime due gare”

Come prendere la patente D: tutte le informazioni