Secondo il presidente Gabriele Gravina “bisogna iniziare a invertire la tendenza per i club professionistici, agevolando gli investimenti nei vivai”. E sul protocollo anti-Covid dice: “Riconosce la responsabilità dello sport, del calcio in particolare”.

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano “La Nuova Sardegna”, nel corso della quale ha affrontato diversi argomenti legati, ovviamente, al nostro calcio. Si parte parlando degli effetti della pandemia sul pallone italiano: “Il Covid ha acuito criticità strutturali. Negli studi annuali sullo stato di salute del movimento calcistico, la FIGC ha messo più volte in evidenza l’eccessivo indebitamento e la scarsa patrimonializzazione dei nostri club, è giunto il momento di affrontare il problema e lo stiamo facendo con l’adozione di norme ambiziose”.

“Il nuovo protocollo? È un ottimo risultato, frutto di un lavoro svolto dalla FIGC con il Governo, in raccordo con le Regioni. È un protocollo che riconosce la responsabilità dello sport, del calcio in particolare, e compenetra la tutela della salute con le esigenze di chiarezza interpretativa del nostro mondo nel rapporto con le ASL”.

Pallone Serie A

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gravina: “Riforma? Voglio stabilizzare il sistema”

Una considerazione anche sulla riforma del campionato: “Quella che ho presentato prescinde dai numeri, almeno all’inizio. Il mio obiettivo è stabilizzare il sistema e renderlo più solido riducendo il gap economico tra un campionato e l’altro e creando le condizioni per rendere più sostenibile l’intero sistema attraverso una redistribuzione più equa delle risorse disponibili”.

Infine, Gabriele Gravina ha affrontato anche il tema degli stranieri in Serie A. Secondo il presidente federale sono troppi: “Sicuramente la percentuale non è confortante. Uno dei miei obiettivi di questo quadriennio è iniziare ad invertire la tendenza per i club professionistici, agevolando gli investimenti nei vivai per avere un ritorno in termini di futuri prospetti azzurri e allo stesso tempo un beneficio per i bilanci delle società”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-01-2022


Dybala-Juventus: il punto della situazione

Fiorentina, l’Arsenal prepara 70 milioni per Vlahovic