Flavio Bucci è morto all’età di 72 anni. A causare la morte un infarto che lo ha colpito mentre si trovava nella sua casa romana.

ROMA – Grave lutto nel mondo del cinema. E’ morto all’età di 72 anni Flavio Bucci, l’attore di origine molisana ma nato a Torino. Le cause del decesso non sono note ma le prime indiscrezioni parlano di un malore improvviso (infarto) che è stato fatale per l’artista mentre si trovava nella sua casa romana.

Nelle prossime la famiglia comunicherà tutte le modalità per omaggiare il grande artista italiano.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Chi era Flavio Bucci

Nato a Torino il 25 maggio 1947 (Gemelli), Flavio Bucci si è formato proprio nella città piemontese prima di fare l’esordio al cinema nel 1973 nel film La proprietà non è più un furto di Elio Petri. La sua popolarità è esplosa nel 1977 quando ha interpretato il ruolo di protagonista nello sceneggiato televisivo dedicato al pittore Ligabue. Ha preso parte anche ad altri due capolavori del nostro cinema: Il marchese del Grillo di Mario Monicelli con il ruolo del prete Don Bastiano e Il divo di Paolo Sorrentino dedicato alla vita di Giulio Andreotti.

Grande schermo che ha fatto anche parte della sua vita privata. Bucci prima si è sposato con Micaela Pignatelli dalla quale ha avuto due figli e poi ha avuto una relazione con Loes Kamsteeg, produttrice olandese. Da questa storia è nato Ruben.

Flavio Bucci
fonte foto https://twitter.com/laramps

Flavio Bucci morto

La tragica morte di Flavio Bucci è avvenuta nelle prime ore di martedì 18 febbraio 2020 nella casa romana. Molto probabilmente è stato un infarto a stroncare l’attore ma la famiglia ha preferito mantenere il massimo riserbo sulle cause del decesso.

Nelle prossime ore saranno molti i colleghi che andranno a salutare uno degli artisti più importanti del cinema italiano. E la sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile in questo mondo.

fonte foto copertina https://twitter.com/laramps

ultimo aggiornamento: 18-02-2020


Coronavirus, in Cambogia sbarcano in mille senza controlli. Italiano positivo sulla Diamond Princess

Dottorato Honoris causa a Liliana Segre, ‘Non c’è limite all’odio, combatto quello che ha segnato la mia vita’